HOMEPAGE ALTRI MISTERI ARCHIVIO DOCUMENTI ARTICOLI BIBLIO NEWS LINKS CHI SIAMO FORUM FEEDBACK


il database sui cerchi nel grano
VOYNICH- SEZIONE "ALTRI MISTERI"

(versione in PDF - click qui)
IL MANOSCRITTO VOYNICH
Un po’ di chiarezza sul libro più misterioso del mondo.


Leonardo Dragoni e Cropfiles.it copyright 2012

Nel 1912 Wilfrid Michael Voynich (Grodno, 1865 – New York, 1930), antiquario bielorusso divenuto mercante di libri con passaporto inglese e statunitense, acquistò un misterioso manoscritto senza titolo che poi passerà alla storia come “Manoscritto Voynich”. Il volume, scritto su pergamena di capretto di discreta qualità (non eccelsa), consta di 102 fogli (204 pagine) scritte ed illustrate a mano, senza che sia presente una sola correzione, né sovra-sottoscrittura di alcun genere. Vi sono anche cinque fogli ripiegati a metà, tre fogli ripiegati tre volte, un foglio piegato quattro volte ed un foglio con ben sei ripiegature. La rilegatura suggerisce che originariamente fossero 116 fogli (232 pagine) e che quindi 14 fogli (28 pagine) siano andati persi. In particolare mancano i fogli 12; 59-64; 92; 97-98; 109-110. Quasi tutti gli studiosi concordano che il luogo d’origine di questo manoscritto sia l’Europa (forse l’Italia, secondo altri l’Austria, la Francia, la Germania, la Boemia o l’Inghilterra). Le molte immagini disegnate sul manoscritto hanno portato a una suddivisione convenzionale di quest’opera cinque sezioni:

sezioneI Sezione I – botanica (fogli 1-66): con 113 disegni di piante sconosciute

sezioneII Sezione II astronomica-astrologica, o zodiacale (fogli 67-73): con 25 diagrammi che sembrano richiamare alcune stelle e segni zodiacali

sezioneI Sezione III (fogli 75-86): con numerose figure femminili nude (da cui alcuni la definiscono sezione biologica). Questa sezione è seguita da foglio ripiegato sei volte, raffigurante nove medaglioni.

sezioneI Sezione IV farmacologica (fogli 87-102): con immagini di fiale e ampolle, piccole piante e radici, forse erbe medicinali.

sezioneI Sezione V – indice (fogli 103 – 116), con solo testo, e delle stelle a margine simili a un elenco puntato.



A conferire misteriosità a questo manoscritto non sono però soltanto le immagini, bensì la misteriosità del suo autore (ignoto) e soprattutto il fatto che sia scritto in una lingua sconosciuta. Pertanto si ritiene che possa essere stato scritto in linguaggio cifrato. Nessuno però, ad oggi, è mai riuscito a decifrarlo.


------------------------------------------------


ANTEFATTO.

Quando nel 1912 Wilfrid Michael Voynich acquistò questo misterioso manoscritto, esso era accompagnato da una lettera (prodotta successivamente da Voynich stesso). La lettera era stata scritta nel 1666 (apparentemente corretto in sovrascrittura da un originale 1665) da Johannes Marcus Marci, già medico reale dell’imperatore Rodolfo II, orientalista, e dal 1662 rettore dell’Università di Praga.

data sulla lettera di Marcus Marci
Immagine: http://www.voynich.nu/history.html

La lettera era indirizzata al suo amico gesuita Athanasius Kirker, noto per essere una mente geniale (da molti paragonato a Leonardo Da Vinci per i suoi innumerevoli interessi e le sue incredibili capacità), un eccellente crittografo, filosofo e storico.


Immagine: http://www.voynich.nu/
Nella lettera inviata a Kirker, Marcus Marci dichiara che fu un certo dottor Raphael a dirgli che il manoscritto era stato acquistato (non sappiamo con precisione quando) dall’Imperatore Rodolfo II, per la somma di 600 ducati, e che si vociferava fosse stato scritto dal genio francescano Ruggero Bacone.
Il Dr. Raphael si rivelerà essere Raphael Sobiehrd-Mnishovsky de Sebuzin & de Horstein, che aveva svolto ruoli giuridici sotto Rodolfo II e sotto i suoi successori Mathias, Ferdinando II, e Ferdinando III (divenendo sotto quest’ultimo un alto funzionario del governo boemo e procuratore capo). Non è chiaro quale fosse esattamente il ruolo di Sobiehrd-Mnishovsky negli ultimi anni dell’Impero di Rodolfo II. Fu infatti quasi certamente insegnante di boemo per Ferdinando III. Forse è in questi anni, successivi alla morte di Rodolfo II, che egli venne a sapere - dai suoi successori o da ambienti di corte - che il manoscritto era appartenuto a Rodolfo II. In ogni caso lo seppe (e lo comunicò a J. Marcus Marci) prima del 1644, anno della sua morte. Da questi elementi soprattutto (e da altri che vedremo), sono partite una serie di indagini, grazie alle quali possiamo provare a ricostruire, sommariamente e per deduzioni, la storia di questo manoscritto.



------------------------------------------------


CRONISTORIA DEL MANOSCRITTO.


Rodolfo II
Immagine Wikimedia Commons
1576 – 1612. Rodolfo II fu Imperatore del Sacro Romano Impero, e (per quanto detto sopra) si presume che in questo periodo acquistò il manoscritto. Morì nel 1612. Allora, o forse pochi anni dopo, il manoscritto passò nella mani di Jacobus Horcicky (che probabilmente lo acquistò a titolo oneroso). È possibile che il manoscritto gli fu venduto anche prima, poiché Horcicky conosceva l’Imperatore dal 1608, quando grazie a quest’ultimo fu nobilitato col titolo di “de Tepenecz”.



Jacobus Horcicky de Tepenecz
Immagine Wikimedia Commons
1608 (1612)-1622. Il manoscritto viene acquistato da Jacobus Horcicky de Tepenecz, divenuto direttore del laboratorio di alchimia e del giardino botanico dell’imperatore Rodolfo II. Una sua firma (“Jacobi a Tepenece”) è ancora parzialmente visibile agli ultravioletti sulla prima pagina.
Non è noto con esattezza quanto tempo lo trattenne, né a chi lo consegnò o vendette successivamente. Probabilmente lo acquistò dall’Imperatore stesso, ma non è escluso che possa averlo ottenuto dopo la sua morte, quando – per fare cassa - furono vendute alcune proprietà reali. È verosimilmente da escludersi che Horcicky potesse essere stato già proprietario del libro prima di allora, o che fosse stato lui a venderlo a Rodolfo.



1622-1635. In questi anni c’è un buco di informazioni, non si conosce l’ubicazione né gli eventi che riguardano il manoscritto.


1635-1643. Il manoscritto ricompare nelle mani di un personaggio di cui sappiamo molto poco: Georgius Barschius. Un alchimista laureatosi all’Università dei Gesuiti nel 1603 (ma in una lettera a Athanasius Kirker, lui stesso scrisse di essersi laureato alla Sapienza nel 1605). Egli scrisse a Athanasius Kirker due volte per chiedergli di decifrare il manoscritto. La prima lettera di Barschius (mai ritrovata) fu scritta nel 1637, e non ottenne risposta. La seconda è datata 27 aprile 1639, e fu inviata a Roma tramite il gesuita Reverendo Theodorus Moretus (si veda http://www.as.up.krakow.pl/jvs/library/19-4-2009-08-24/). In questa lettera egli sembra si firmi come Georgius Baresch (la calligrafia non è chiarissima), che si ritiene sia il nome ceco di Barschius (latinizzato). Sotto la firma appaiono curiosi simboli.
firma sulla lettera di Barschius

Nella seconda lettera Barschius esprime a Kirker la sua teoria, cioè che si trattasse di un linguaggio cifrato che riguardava l’arte medica, coinvolgendo teorie, arti e spezie orientali, che in occidente non erano considerate. Non ottenne risposta neanche stavolta. Si possono ipotizzare vari motivi per questo silenzio di Kirker, ma in realtà non sappiamo perché decise di non rispondere. Nel 1662 Barschius morì, lasciando il manoscritto a Johannes Marcus Marci, con cui era amico, e conoscente fin da prima del 1622 (anno della morte di Horcichy).
Sebbene non si possa escludere (né confermare) che Barschius fosse in possesso del manoscritto già dal 1622, si presume che questi ne fosse entrato in possesso solamente poco prima del 1637 (anno della prima lettera), e non riuscendo a decifrarlo si era rivolto a Athanasius Kirker. Ma perché rivolgersi a Kirker? Su consiglio di chi? Fose di Marcus Marci, o forse di Raphael Mnishowsky. Ci occuperemo tra poco di loro.

1643-1662. Altro buco di informazioni. Probabilmente il manoscritto rimane in mano di Barschius, che continua a cercare di decifrarlo e ad attendere una risposta da Athanasius Kirker. Solo nel 1662, morto Barschius, il manoscritto passa a Johannes Marcus Marci, il quale era sicuramente già a conoscenza di questo bizzarro tomo.

1662- 1667. In questo quinquennio il manoscritto era certamente in possesso di Johannes Marcus Marci, fisico, medico (già medico reale di Rodolfo II) orientalista, e dal 1662 rettore dell’Università di Praga (dove insegnava). Egli aveva studiato a Roma, e un suo insegnante era stato Athanasius Kirker (come detto, già destinatario delle lettere di Barschius).


Johannes Marcus Marci
Immagine Wikimedia Commons
Nell’agosto 1666 (forse 1665) Marci scrisse una lettera all’amico Athanasius Kirker, dalla quale si evince la loro conoscenza ultra trentennale (dal 1637-38). Gli chiedeva – come Barschius a suo tempo - di decifrare quel manoscritto. Si può ipotizzare che fu dunque Marci che nel 1637 aveva suggerito all’amico Barschius di rivolgersi a Kirker (da lui forse appena conosciuto). Come sappiamo Barschius non ottenne risposta alle sue due lettere. Ora Marci riprovava di persona, 27 anni dopo. Prima che Kirker poté rispondere a Marci, questi morì, nel 1667, subito dopo essere stato eletto corrispondente della British Royal Society. Alcuni ipotizzano che in realtà ci fose astio tra Kirker e Marci, e che non fossero realmente amici. In ogni caso non si conosce il motivo per il quale Kirker per più di un anno non rispose (né lo farà mai), pur sapendo che Marci versava in cattive condizioni di salute.


È in questa lettera (vedi “antefatto”) che Marcus Marci dichiara che fu il dott. Rapahel [Sobiehrd-Mnishovsky.. NdR] a dirgli che il manoscritto era stato acquistato dall’Imperatore Rodolfo II, per la somma di 600 ducati, e che si vociferava fosse stato scritto dal genio francescano Ruggero Bacone.
Come che stiano le cose, nel 1665 Marcus Marci aveva inviato a Kirker non solo la lettera, bensì l’intero manoscritto (a differenza di Barschius, che aveva inviato delle rappresentazioni). Secondo alcune fonti il manoscritto era stato inviato in regalo (quindi non solo perché fosse decifrato, ma anche conservato). In ogni caso, quel che sembra certo è che morto Marcus Marci il manoscritto rimase nelle disponibilità di Athanasius Kirker


1667- 1773. Athanasius Kirker era un personaggio eclettico e geniale, famoso a suo tempo in ambito scientifico, esperto in orientalismo, medicina, crittologia, geologia; insegnante di Marcus Marci all’Università, e autore di numerose opere.


Athanasius Kirker
Immagine Wikimedia Commons
Kirker non farà mai menzione del manoscritto, e non lo cataloga. Si presume che egli – essendo morto Marcus Marci - lo relegò nel suo istituto, il Collegio Romano dell’Università Gesuitica, senza decifrarlo. Si presume che il manoscritto rimase nel Collegio Romano, in mano ai gesuiti, almeno fino al 1773. In quell’anno l'ordine venne soppresso da papa Clemente XIV e i gesuiti lasciarono il Collegio, disperdendosi o riparando in Russia (dove l’ordine era ufficialmente riconosciuto). Non è chiaro se il manoscritto rimase comunque nel Collegio Romano, o riparò anch’esso in Russia trasportato seco dai gesuiti.


1773-1814. L’ordine dei gesuiti è sciolto, e non si hanno informazioni sul manoscritto. Forse resta al Collegio Romano, forse è in Russia, forse altrove.


1814 – 1870. Pio VII restaura l’ordine dei gesuiti, che tornano al Collegio Romano e ad insegnare. Il manoscritto probabilmente torna al suo posto (semmai si fosse mosso). Vi resta fino al 1870.


1870-1912. Il governo italiano confisca il Collegio, compresa la celebre biblioteca dei gesuiti (oggi “Biblioteca Vittorio Emanuele II) destinandolo a Liceo Statale. I gesuiti erano stati informati con sufficiente anticipo, e sapevano anche che era concesso loro di conservare solamente i beni privati. Così i libri più importanti (tra cui il manoscritto) vennero catalogati come beni privati del generale dei gesuiti P. Beckx S.J. Il manoscritto, per precauzione, venne portato a Villa Mondragone a Frascati dove rimase fino al 1912.


1912- 1931. Il gesuita padre Joseph Strickland (1864-1915) mise in contatto i gesuiti e il libraio Wilfrid Voynich. I gesuiti avevano bisogno di fondi per restaurare la villa e vendettero molti libri al Vaticano. Trenta volumi della loro biblioteca andarono invece proprio a Voynich (tra questi il manoscritto, che da allora prese il nome del suo acquirente). Nel 1930 Voynich morì, non prima di aver tentato ogni ricerca per conoscere l’origine e la storia di questo testo (con parziali successi, grazie ai quali possiamo anche ricostruire la vicenda), e non prima di aver tentato in tutti i modi di decifrarlo o farlo decifrare (senza successo).


1931-1961. Il manoscritto rimane in mano alla vedova di Voynich, Ethel Lilian Voynich. Quando questa morì (1960) il manoscritto venne ereditato dalla signora Nill, amica di Voynich e sua ex-segretaria. La Nill, interessata soprattutto all’aspetto economico della faccenda, lo vendette all’antiquario di New York, tale H. P. Kraus, per 24 dollari. Kraus dovette insistere per averlo, ed era convinto che una volta decriptato gli avrebbe fruttato moltissimo denaro.


1961-1969 L’antiquario di New York mette in vendita il manoscritto a 160 dollari, ma non riesce mai a trovare un acquirente, e alla fine decide di donarlo nel 1969 all’Università di Yale.


1969-oggi. Il manoscritto è all’Università di Yale, nella teca dei libri rari, catalogato col numero MS 408.
Teca dell'Università di Yale
Beinecke Rare Book and Manuscript Library
Photo by Steve Frank


------------------------------------------------


IPOTESI SUL MANOSCRITTO: DATAZIONE, PROVENIENZA ORIGINARIA, CONTENUTO E SUO AUTORE.

Stante l’antefatto e la breve cronistoria sopra esposta, una teoria ritenuta plausibile è quella secondo cui questo manoscritto possa essere stato scritto dal Doctor Mirabilis (1214-1294), al secolo Ruggero Bacone (frate francescano, filosofo, scienziato, teologo ed alchimista). Perché Bacone? Probabilmente proprio perché lo aveva suggerito Raphael Mnishowsky a Marcus Marci, lo ipotizzava dunque quest’ultimo, ne era persuaso infine Wilfrid Voynich


Raphael Sobiehrd-Mnishovsky
Immagine Wikimedia Commons
Effettivamente Raphael Mnishowsky era la fonte originaria della storia che riconduceva a Bacone. Inoltre era anch’egli un crittografo, grande estimatore dell’alchimista polacco Sendivogius (che scrisse molte opere in linguaggio alchemico e criptico, ed ebbe diversi contatti con la corte di Rodolfo II). Rapahel Mnishowsky, a suo stesso dire, avrebbe ideato attorno al 1618 un sistema di codifica che egli stesso definì indecifrabile. Tutto ciò conduce a ventilare una congettura: Raphael Mnishowsky potrebbe essere l’autore del manoscritto?

Potrebbe averlo fornito lui stesso a Barschius, per mettere alla prova il sistema di codifica di cui sembra si fosse vantato. Potrebbe poi aver lui (e non Marcus Marci) suggerito a Barschius (il quale non riusciva a decifrarlo) di rivolgersi al più geniale Athanasius Kirker, come ulteriore test di impermeabilità del detto sistema di codifica. Alcuni sostengono che perfino la firma di Jacobus de Tepenec sul manoscritto sia stata apposta proprio da Rapahel Mnishowsky, per avvalorare la sua storia su Rodolfo II e Bacone. Anche la cifra di 600 ducati sarebbe stata inventata, per suscitare l’interesse di Marcus Marci.
Di tutto ciò, è bene precisare, non esiste alcuna prova concreta.
L’analisi calligrafica per un raffronto venne svolta inizialmente soltanto su testi di Marcus Marci, Athanasius Kirker, Georgius Barschius, e Jacobus Horczicky. Nessuno di loro sembrava sufficientemente congruo con la calligrafia usata nel manoscritto. Quando più avanti si iniziò a sospettare anche di Raphael Mnishowsky ci si rese conto che non erano reperibili suoi scritti per fare un confronto calligrafico. Confronto che però avvenne non appena si riuscì a reperire un suo testo. L’analisi calligrafia non scioglie i dubbi, e sembra non comprovare una affinità sufficientemente rilevante. Tuttavia sicuramente rivela una affinità superiore alle precedenti.

Accantonata per ora questa ipotesi, vediamo ora, in ordine cronologico, quali furono i tentativi di decifrare questo manoscritto, e i risultati che si ottennero, unitamente alle ipotesi formulate sulla sua origine


William Romaine Newbold
Immagine Wikimedia Commons
Nel 1921 il professore di filosofia medievale all’Università della Pennsylvania William Romaine Newbold (foto), pubblicò un articolo in cui proponeva un complesso sistema di traduzione-decifrazione del testo, che a suo avviso sarebbe stato scritto proprio da Ruggero Bacone in un latino “mascherato".
Perché di nuovo Bacone? Per i motivi già sopra menzionati (che evidentemente hanno influenzato molto le ricerche successive) ed anche perché Bacone era uno dei pochi uomini ad avere già allora eccellenti cognizioni di astrologia, astronomia, scienza, erboristeria.

Se non bastasse era notoriamente molto abile a scrivere in codice e in anagrammi. C’è di più. La decifrazione svolta da Newbold, se corretta, era al contempo la dimostrazione che Bacone doveva possedere un telescopio e un microscopio, poiché alcune raffigurazioni sul manoscritto rappresentavano rispettivamente la nebulosa Andromeda, spermatozoi ed ovuli. Inoltre – sempre secondo Newbold – i caratteri del testo del manoscritto contenevano al loro interno altri caratteri, distinguibili se osservati ad un livello di ingrandimento molto elevato.
Tutto ciò suonava impossibile, poiché al tempo di Bacone non era pensabile avere un microscopio e/o un telescopio, strumenti che appartengono a un periodo successivo alla morte di Bacone. Vale la pena allora ricordare gli studi provocatori (ma non infondati) del Professore Robert Temple, e citare un articolo di Emilio Spredicato apparso su “Liberal” n. 9 del dicembre 2001 - gennaio 2002 (ottanta anni dopo il libro di Newbold) intitolato “Il telescopio? Lo inventò Bacone trecento anni prima di Galileo”:

[…] È noto che il telescopio non fu inventato da Galileo, esistendone allora già esemplari in Olanda. È meno noto che Roger Bacon costruì oltre 300 anni prima di Galileo un telescopio usando un antico testo di ottica, sembra di Tolomeo, ora andato perduto. Il telescopio di Ba-cone, che permetteva di osservare persone a grande distanza, fece sensazione, fu considerato opera diabolica e fu distrutto, probabilmente con il testo di Tolomeo da lui utilizzato.

Riguardo la nebulosa Andromeda essa è visibile anche ad occhio nudo, e se ne parla già in alcune carte risalenti a oltre mille anni fa. Quindi è del tutto legittimo che Bacone (ma non solo lui) potesse esserne a conoscenza, o che cercasse di osservarla, con strumenti particolari (magari simili a primordiali telescopi). Secondo Newbold quello di Bacone era un telescopio riflettore (oggi i telescopi ottici si suddividono in due grandi famiglie: riflettori o rifrattori), i cui specchi costarono al Dottor Mirabilis l’equivalente di 1.500 dollari (nella valuta del 1921). La raffigurazione del foglio 68 altro non era se non la nebulosa a spirale di Andromeda, osservata dal telescopio di Bacone.


Poiché la nebulosa di Andromeda è si visibile dalla Terra ad occhio nudo, ma solamente di profilo, è evidente dalla figura nel foglio 68 che Bacone la stesse osservando in modo privilegiato, avendola raffigurata frontalmente e in modo circolare. Ma anche volendo ammettere che Bacone avesse ideato e costruito un telescopio riflettore (il che appare già una indubbia forzatura), c’è da rilevare che nessun telescopio è in grado di mostrare la struttura a spirale di questa nebulosa, la quale è invece visibile solamente tramite fotografie a lunga esposizione. La verità è che non esiste alcuna evidenza che la figura in questione rappresenti Andromeda, né che a raffigurarla sia stato Bacone. Che dire riguardo il microscopio? Anche qui le raffigurazioni che secondo Newbold rappresentano spermatozoi e ovuli, ed il processo di fertilizzazione, sono alquanto discutibili.

folio 86 recto folio 86 verso

Le conoscenze di oggi ci dicono che le immagini non rappresentano con chiarezza né con precisione alcuno spermatozoo, né corrispondono ad alcuna fase di sviluppo dell’ovulo per come può essere osservata ad un microscopio (strumento inventato del resto alla fine del 1500).

Va comunque detto che gli assunti precedenti sono di indubbio interesse, specialmente nella misura in cui la decrittazione di Newbold si fosse rivelata corretta. Ma lo era? Gli assunti di Newbold furono resi espliciti in modo completo e sistematico solo dopo la sua morte, allorché nel 1928 il suo editore Roland G. Kent pubblicò il suo libro intitolato “The Cipher of Roger Bacon”.
Opinione di Newbold era che Bacone avesse usato un cifrario bi-letterale, in cui cioè ogni coppia di lettere del testo latino visibile rappresentasse una sola lettera criptata. Per ogni lettera dell’alfabeto latino si costruisce quindi un ulteriore alfabeto in cui ogni lettera viene abbinata con un’altra lettera (primo alfabeto: aa; ab; ac…; secondo alfabeto: ba, bb, bc..). Si ottengono così 529 bi-lettere. Ad ognuna di esse viene attribuita una sola lettera (che sarà quella cifrata). Ad esempio la parola ”exitum”, si legge “ecsitum”, e nel sistema in questione sarebbe “ec-cs-si-it-tu-um”. Ad ogni bi-lettera corrisponderebbe una lettera cifrata. Tuttavia, perché questo sistema funzioni, a 529 bi-lettere dovrebbero corrispondere 529 simboli diversi (che nel manoscritto non ci sono). Ciò significa che diverse coppie di lettere, una volta criptate, divenivano la stessa lettera. Nell’esempio sopra ec=I cs=L si=L it=I tu=U um=S. Così la parola cifrata per scrivere “exitum” sarebbe “illius”. Come si vede ci sono due “i”, e due “l”. Quindi se è relativamente facile criptare un testo con questo sistema, sarebbe poi stato impossibile decriptarlo, essendo impossibile capire se, restando al nostro esempio, la “L” traduca “cs” o “si” (o tutte le altre bi-lettere cui corrisponde una L). Ma questa è soltanto la base da cui Newbold fece poi derivare un insieme di aggiustamenti ed elucubrazioni difficili da comprendere e da accettare. Bacone avrebbe infatti poi ridotto l’alfabeto a soli 11 fonemi, avrebbe agito in modo complesso su lettere mute e accentate, o su lettere la cui pronuncia risulta simile, avrebbe applicato un processo di “commutazione” che non chiarì mai del tutto. Paolo Cortesi (saggista, autore del libro “Manoscritti Segreti”) ha scritto in proposito che:

“Newbold cambiava le sillabe in cui apparivano al secondo posto le lettere C, O, N, M, U, T, A, Q in altre sillabe, secondo un alfabeto di conversione da lui elaborato. Con la traslazione, si cambiavano le lettere ottenute col passaggio precedente in altre lettere di un secondo alfabeto. La Reversione trasformava i valori alfabetici in valori fonetici (su questo passaggio Newbold fu ancora più oscuro del solito). L’ultimo procedimento consisteva nella ricomposizione, cioè nell’anagrammare le lettere per ottenere parole. Come si vede, tutto il sistema è assolutamente arbitrario, fondato su manipolazioni libere e senza alcun rigore; l’anagramma finale, poi, è la prova (se mai occorresse!) che il metodo di Newbold è solo un gioco e non una analisi scientifica. Con l’anagramma si può trovare quello che si vuole praticamente dovunque”.

Dulcis in fundo, Newbold sostenne che nelle pagine del manoscritto, e perfino all’interno delle lettere impresse su di esso, erano contenuti altri simboli e lettere e visibili solo se magnificati al microscopio, che costituivano il vero testo criptato. In realtà aveva scambiato delle grinze sulla pergamena (dovute all’usura del tempo e allo sbiadire dell’inchiostro) per caratteri speciali. Entrare ulteriormente nello specifico diventerebbe una impresa titanica, e noiosa per chi ci legge. Ci limiteremo a ricordare che la teoria di Newbold venne già criticata dal crittologo David Khan, e poi ampiamente screditata dal dottor John M. Manly, filologo capo dell'istituto di lingua inglese presso l'Università di Chicago, la cui confutazione svolta nell’articolo "Roger Bacon and the Voynich MS.," (Speculum, July 1931) non lasciava spazio a dubbi, demolendo in nuce le teorie di Newbold, definite “interamente senza fondamento, sarebbero dovute essere definitivamente e assolutamente rifiutate”. Un articolo del 5 agosto 1962 del Washington Post, riportando una intervista a Friedmann (crittologo che incontreremo più avanti) chiariva ulteriormente come il metodo di Newbold era impreciso e inaffidabile, non forniva un’unica (né precisa) chiave di lettura.
Inoltre i primi testi criptati conservati nella Biblioteca vaticana risalgono agli venti del 1300 e raccolgono semplicemente dei nomi in codice. I primi codici cifrati iniziano nel 1400. La tecnica crittografica occidentale assume importanza con Leon Battista Alberti e il suo De Componendis Cifris (ca. 1466). Il primo trattato di codici segreti, il Poligraphia di Giovanni Tritemio, è del 1518. Pertanto appare estremamente improbabile che Ruggero Bacone avesse potuto – con oltre cento anni di anticipo sulla crittografia – inventare un testo crittografato così acuto da non essere mai stato decifrato da nessun crittologo, neppure con i sistemi attuali.
Infine l’ipotesi Bacone cozza, come vedremo, contro il recente esame al radiocarbonio.

Dal libro di Newbold emergevano comunque dei dati rilevanti per ricostruire la vicenda storica del manoscritto, in seguito ai quali sono nate nuove ipotesi sull’origine dello stesso. Infatti Newbold ha ipotizzato che, dopo la morte di Bacone, l’opera fu acquistata da qualche monastero inglese. A causa della dissoluzione dei monasteri avvenuta dopo il 1538, perché saccheggiati su ordine di Enrico VIII, il manoscritto venne acquistato da John Dudley, duca di Northumberland (1502?-1553) e autore di molti saccheggi. Questi lo vendette poi a John Dee Dee (1527-1608), durante il periodo in cui questo visse a Praga. Si sa che John Dee, mago di corte della regina Elisabetta, visitò Praga nel 1584. Soprattutto ci sarebbe una dichiarazione di Sir Thomas Brown, il quale riferiva alcune parole di Arthur Dee (il figlio di John), che avrebbe detto che mentre suo padre era in Bohemia (1585-1588) possedeva “un libro che conteneva solo geroglifici” [intesi come lettere prive di senso, o in codice .. NdR]. Questa ricostruzione fu approfondita e convalidata da studi successivi, e ancora oggi molti ritengono che i veri artefici del manoscritto Voynich possano essere John Dee e Edward Kelley. Il primo avrebbe introdotto il secondo alla corte di Rodolfo II, intorno al 1580. Kelley, abilissimo mago e truffatore, avrebbe realizzato il testo per venderlo all’imperatore (notoriamente appassionato di occultismo) ed ottenere in cambio denaro o favori.

John Dee Magician Edward Kelley
John Dee & Edward Kelley - Immagini Wikimedia Commons

Ma perché John Dee?

Nella famosa lettera di Marcus Marci del 1639 (vedi sopra), è scritto che (stanti sempre a quanto riferiva Raphael Sobiehrd-Mnishovsky) il manoscritto fu venduto a Rodolfo II per 600 ducati. Ora, quando John Dee lasciò Praga, aveva circa 600 ducati in più di quando vi entrò (secondo quanto riportato da una fonte di René Zandbergen). E perché Dee era a Praga con un truffatore, proprio allora, e proprio in udienza presso Rodolfo II? Inoltre una analisi calligrafica dei diari di Dee, suggerirebbe che i numeri di pagina scritti negli angoli alti del manoscritto Voynich siano stati scritti proprio da lui.
Questa ipotesi (Dee-Kelley come autori del manoscritto) ci sembra però discutibile, per un insieme di ragioni . Intanto anch’essa cozza con la recente datazione al radiocarbonio, di cui ci occuperemo più avanti. Poi – come già detto - la cifra di 600 ducati potrebbe essere stata riferita dal dott. Raphael Mnishovsky a Marcus Marci per intrigare quest’ultimo, o da quest’ultimo a Kirker per lo stesso motivo, e quindi non è detto che corrisponda a verità.
L’analisi calligrafica di Dee, e il raffronto con quella del manoscritto Voynich, non è in realtà risolutiva. Innanzi tutto non è possibile appurare oltre ogni ragionevole dubbio che si tratti della stessa mano. In secondo luogo, cosa ancor più importante, va precisato che si sta parlando solamente della numerazione delle pagine e non del testo nella sua interezza. Si potrebbe semmai sostenere, che Dee abbia avuto per le mani il manoscritto, e ne abbia indicizzato le pagine (sono molti gli studiosi che ritengono che i numeri di pagina siano stati aggiunti successivamente, e che la disposizione dei fogli non rispecchi quella originaria)..
Il motivo per cui Dee era a Praga, presso Rodolfo II, necessita di qualche chiarimento. Dee era un giovane prodigio, che a soli 24 anni teneva lezioni a Parigi su Euclide e Pitagora. Mago, filosofo e astrologo, era nelle grazie del re d’Inghilterra, tanto da determinare la data dell’incoronazione di Maria Tudor, in base ai suoi calcoli sulle migliori influenze astrali. Nel 1564 scrisse per Massimiliano II (padre di Rodolfo II) la Monas Hyerogliphica. Diciassette anni dopo, nel 1581, nella vita di Dee entrava prepotentemente Edward Kelley: autentico delinquente. Fingendosi esperto di magia e occultismo, riuscì a plasmare e affascinare Dee (alcuni sospettano una latente relazione di omosessualità tra i due) introducendolo alla medianità e allo spiritismo. Kelley convinse Dee a scambiare con lui le rispettive mogli, a farsi versare una pensione annua, a condurlo a Praga con l’inganno, sostenendo (siamo nel settembre 1583) che se non fosse fuggito dall’Inghilterra sarebbe morto. Così il 9 Agosto dell’anno seguente (1584) la strana coppia Dee-Kelley faceva ingresso a Praga. Neppure un mese dopo, il 3 settembre, Dee si faceva ricevere da Rodolfo II. Del resto condivideva con l’Imperatore l’interesse per le dottrine spirituali, per la magia, per l’occultismo. Inoltre aveva scritto la Monas Hiergliphica ispirandosi a suo padre Massimiliano II. Ciò nonostante Rodolfo non aveva letto la Mona Hierogliphica di Dee, e – a quanto sembra – rimase sfavorevolmente impressionato da quest’ultimo, tanto da non volerlo più incontrare, e tanto da bandirlo, pochi anni dopo, dal Regno di Boemia (ove poteva rimanere, purché confinato nella proprietà di Rozmberk). Difficile che il manoscritto possa dunque essere stato venduto all’Imperatore da Dee. Inoltre nei diari di quest’ultimo, come nelle memorie dei cortigiani di corte, non vi è alcun accenno al riguardo. Relativamente alla dichiarazione del figlio Arthur (ricordata da Sir Brown Thomas) secondo la quale suo padre aveva "un libro che conteneva solo geroglifici”, va detto che quando Arthur arrivò in Boemia aveva solo cinque anni, e queste reminiscenze le aveva evocate molti anni più tardi. Inoltre Dee possedeva diversi libri alchemici scritti in “geroglifici” come pure libri cabalistici in ebraico (che ad un bambino di cinque anni appaiono certamente scritti in “geroglifico”). Se su Dee – a nostro avviso - sembrano pesare pochi dubbi, qualche perplessità rimane semmai su Kelley, ma in realtà non esiste nessun genere di prova che possa convalidare questa ipotesi.


Nel 1943 uscì un libro di un avvocato Newyorkese, tal Joeph Martin Feeley, intitolato “Roger Bacon’s Cipher: the Right key found”. Anche secondo Feely la paternità del manoscritto doveva essere di Bacone. Egli prese in esame la “Communia naturalium” e il “De perspectiva” (di Bacone, appunto) e rilevò che le lettere più usate dal dottor Mirabilis in quei testi erano, nell’ordine: e, i, t, a, n, u, s. Prese poi in esame il manoscritto, rilevando i simboli più usati, e sostituendo le rispettive lettere più usate da Bacone negli altri due testi. Applicò questa semplice sostituzione soltanto al foglio 78 recto, che egli – per via delle raffigurazioni - riteneva trattasse il tema della riproduzione. Riuscì in questo modo ad isolare delle parole, molte delle quali secondo Feely rappresentavano delle abbreviazioni di parole latine. Ad esempio la parola “festsn”, sarebbe stata (a suo dire) l’abbreviazione di “festivi sunt”. Con questo sistema Feeley giunse alla seguente traduzione:

“il flusso combinato quando è bene umidificato, ramifica; più tardi è spezzato più piccolo; più tardi, ad una distanza,nella vescica anteriore esso arriva...». Oppure: «L’effeminato essendo stato effeminato, spinge innanzi il predestinato; quelli che spingono innanzi sono inumiditi; sono carichi di umore; saranno dispersi; sono umiliato».

Un latino decadente, forzato, che sembra non esprimere alcun significato. Del resto il metodo utilizzato da Feeley costituiva un vero e proprio bias: dato un determinato assunto, si analizzava parzialmente la documentazione al fine di trovare riscontri all’ipotesi preconcetta. Per lo più sul solo foglio 78.


Nel 1944, Hugh O'Neill, botanico presso l'Università Cattolica, ha individuato diverse piante raffigurate nel manoscritto come nuove specie, in particolare una di semi di girasole americano, e un peperone rosso. Ciò significava che la datazione del manoscritto doveva essere collocata dopo il 1493, quando Colombo ha portato i primi semi di girasole in Europa. Tuttavia l'identificazione non è certa: il peperone rosso è di colore verde, e l'identificazione di semi di girasole è stata altrettanto contestata.


Nel 1946 venne allo scoperto una nuova ipotesi, avanzata dal Professor Leonell C. Strong, medico oncologo dell’Università di Yale, e appassionato di crittologia medievale. Questi, leggendo parti del manoscritto riprodotte nel libro di Newbold, tentò di applicare i sistemi di crittologia di Tritemio, Porta e Selenius. I risultati furono incoraggianti, tanto che gli sembrò di aver risolto l’arcano. Era sua convinzione infatti che il testo fosse in inglese medievale, e potesse essere decrittato attraverso un sistema di decifratura sostitutiva che portasse ad ottenere dei caratteri latini in chiaro. Secondo la sua decodifica, una parte del testo avrebbe recitato la seguente frase:
“When skuge of tun'e -bag rip, seo uogon kum sli of se mosure-issued ped-stans skubent, stokked kimbo-elbow crawknot”

Che Strong tradusse dall’inglese medievale a quello contemporaneo così:
"When the contents of the womb rip (or tear the membranes), the child comes slyly from the mother-issuing with the leg-stance seewed and bent while the arms, bent at elbow, are knotted (above the head) like the legs of a crawfish"

Cioè:
"Quando il contenuto del grembo materno strappa le membrane, il bambino viene furbescamente emesso dalla madre con la gamba in posizione piegata, mentre le braccia, piegate all'altezza del gomito, sono annodate (sopra la testa) come le zampe di un gambero "

Ma soprattutto Strong dovette sobbalzare sulla sedia quando si accorse che il foglio 93 nascondeva il nome di Anthony Askham.

Foglio 93 del manoscritto Foglio 93 del manoscritto
Foglio 93 del manoscritto. Fonte: voinych.com

Chi è Anthony Askham? Strong si mise a caccia di informazioni, scoprendo che era un astrologo attivo nella metà del 1500, dottore in medicina, vicario nello Burnestone (Yorkshire) per Edoardo VI, nonché fratello del più noto scrittore Roger. Gli studi precedenti di Hugh O’Neill, secondo il quale il manoscritto era stato scritto non prima del 1493, sembravano confortare la sua ipotesi. Inoltre nel libro “Herbal Banckes” di Askham (edizioni del 1550 e 1555) si legge nei frontespizi che, alla fine del libro, è pubblicato una sorta di almanacco in cui si illustra e si spiega come determinate erbe abbiano relazioni con periodi dell’anno, con la luna, e con varie stelle e costellazioni. Si tratta in realtà di una (delle tante) specie di edizione aggiornata dell’autentico “Banches’ Herbal” scritto da un anonimo nel 1525. Il fatto bizzarro è comunque che questi almanacchi, di fatto, non sono poi presenti nel libro. Si è allora sospettato – il professor Strong in primis - che il manoscritto Voynich potesse essere proprio nient’altro che l’almanacco. Strong chiese allora a Voynich le copie fotostatiche di tutto il manoscritto, ma all’epoca quest’ultimo era malato, e sua moglie era impegnata ad accudirlo e non prese in considerazione tali richieste.
Strong ritenne comunque già sufficienti le sue scoperte, per fare una dichiarazione sensazionale. Così il 15 Giugno 1945 “Science” usciva con un articolo intitolato: “Anthony Askham, l’autore del manoscritto Voynich”. Fu l’inizio della fine. Come poteva Strong presentare queste conclusioni avendo letto solamente il libro di Newbold, senza aver potuto consultare il manoscritto stesso, se non nei brevi passi riprodotti da Newbold stesso? Come poteva essere credibile dal momento che non dichiarava quale fosse il sistema di decifrazione utilizzato? Da dove usciva il nome di Askham? La singola frase presentata da Strong inoltre, fu oggetto di aspre critiche da parte di esperti linguisti, che lo contestarono su tutta la linea.
Messo alle corde, egli tornò ad occuparsi del suo lavoro, ma il fuoco covava sotto la cenere, e privatamente proseguiva le sue ricerche. Nel novembre 1947 pubblicò sul Bollettino della storia della medicina un articolo dal titolo “Verifica di una ricetta medica del sedicesimo secolo finora sconosciuta”. L’argomento era la contraccezione, causata dall’uso di antibiotici derivati da una pianta: quella disegnata sul foglio 93 del manoscritto Voynich!
“The New Yorker” rifiutò di pubblicare un altro suo articolo, dal momento – affermò – che non aveva avuto il benestare dei proprietari del manoscritto, e che la questione era troppo controversa per esporsi. Le critiche furono unanimi e feroci, e Strong uscì di scena, trincerandosi dietro un “È tutto in Tritemio, Porta e Selenus; nessuno saprà mai i segreti del manoscritto”.

In quegli anni, in cui c’era ancora la guerra, l’enfasi su questo testo criptico era decisamente alta. Si stava occupando di questo anche il noto crittologo professor William F. Friedman, che già nel maggio del 1944 aveva costituito a Washington il “First Voynich Manuscript Study Group”, composto da 16 esperti tra paleografi, linguisti, filologi, egittologi, matematici (ne facevano parte Robert A. Caldwell, G. E. McCracken, Thomas A. Miller, Frances Puckett,Frances Wilbur, Mark Rhoads, William M. Seaman). Per la prima volta si tentò un approccio scientifico e analitico, servendosi di un computer per calcolare le parole, la loro frequenza e struttura. Nel 1946 questo gruppo si sciolse senza aver raggiunto conclusioni apprezzabili, e le carte andarono in parte perdute.
Questo spiega in parte anche le feroci critiche a Strong, che – oltre al metodo – aveva forse scelto il momento peggiore per le sue azzardate dichiarazioni. Strong infatti, quando chiese per l’ultima volta una copia del manoscritto, si sentì rispondere (ironicamente) da Friedman che gli sarebbe stata consegnata direttamente la soluzione, così che lui potesse verificarla.


Siamo nel 1950 quando Friedman, che stava continuando ad affrontare l’impegno con l’ausilio del computer e con criteri rigorosi ed oggettivi, decide di coinvolgere nella sua ricerca l’amico John Hessell Tiltman, ufficiale dell’intelligence inglese. Friedman e Tiltman operarono indipendentemente ma parallelamente, cercando soprattutto di trasporre i caratteri in segni convenzionali. Ciò permetteva, se non altro, di rendere la scrittura del manoscritto più riconoscibile e meno astratta. Il sistema sembrava funzionare, nella misura in cui suggeriva apparenti indizi di successo o apriva spiragli a possibili soluzioni. Regolarmente però qualcosa non funzionava, e ci si ritrovava ogni volta con un pugno di mosche. Si poté comunque osservare il manoscritto da una nuova prospettiva, e notare molte sue peculiarità. Ad esempio la totale assenza di parole composte da una sola lettera, o da due, che viceversa esistono in tutte le lingue; oppure la insolita frequenza con cui comparivano parole che differivano tra loro di una sola lettera.
Friedman si disse convinto che alla base dello scritto era una forma molto primitiva e sintetica di linguaggio universale, costruito secondo criteri logici, come è stato sviluppato sotto forma di una filosofica classificazione delle idee da parte del vescovo Wilkins nel 1667, e da Dalgarno successivamente. Ma se così fosse stato, sarebbe stato riconoscibile! Vista anche la ripetitività di alcuni simboli e la povertà di linguaggio, doveva comunque trattarsi di una lingua artificiale, costruita. Qualcosa simile ad un Esperanto. Ma probabilmente erano intervenute, nel manoscritto, diverse e diversificate forme di sostituzione.
Del resto la prima lingua artificiale di cui si ha notizia risale a prima del 1200, quando Ildegarda di Bingen (1098-1179) creò la “Lingua Ignota”, cioè un linguaggio segreto basato sulla grammatica latina. Il “voynichese” poteva essere dunque una lingua appositamente costruita da una mente erudita, per celare le sue conoscenze.


Nel 1962-1963 vi fu anche un breve “Second Voynich Manuscript Study Group” (che era una sorta di dopolavoro di vari tecnici della Radio Corporation of America), i cui esiti non furono migliori del primo: non si riuscì a venirne a capo. Tiltman alla fine si convinse che forse non si trattava di sostituire simboli a lettere: non funzionava.


Nel 1975 il professor Robert Brumbaugh, docente di storia della filosofia medievale all’Università di Yale (quasi certamente lavorò anche per l’intelligence militare americana durante la seconda guerra mondiale) , notò in diversi fogli del manoscritto una sorta di schema ricorrente: numeri incolonnati e file di lettere. Pensò che non doveva essere una coincidenza, bensì un indizio, una chiave di interpretazione. Dopo diverse analisi e tentativi, disse che si potevano creare delle tabelle di conversione che legavano in modo logico parole e numeri. Purtroppo non chiarì mai il suo metodo, che sembra consistesse nel trasformare i simboli in cifre arabe, e queste ultime in lettere dell’alfabeto latino, secondo una complessa logica sostitutiva derivata soprattutto dall’analisi delle immagini e dall’utilizzo di queste tabelle (a loro volta derivate dall’indizio presente nel manoscritto stesso). Non avendo chiarito il metodo da lui utilizzato, ci si sarebbe dovuti aspettare una critica nei suoi confronti altrettanto feroce di quella che fu riservata al professor Strong. Tuttavia il cifrario di Brumbaugh dava dei risultati in alcuni casi apprezzabili, e molti pensarono che si era vicini ad una soluzione. Ad esempio nel folio 100 recto egli aveva riscontrato la parola “papavayis”, che ricordava il “papaver” (papavero, molto utilizzato nel medioevo per le sue proprietà terapeutiche) e la parola “ulcer”, che ricordava “ulceratio” (ferita).

Foglio 100 del manoscritto
Folio 100 recto

Questa ricerca non ebbe però grande seguito, poiché in molte altre circostanze (la grande maggioranza) il metodo di Brumbaugh (per altro mai chiarito nel suo funzionamento) sembrava non funzionare affatto. Inoltre egli stesso si disse convinto che il Voynich fosse un’opera truffaldina, in cui erano stati inseriti di proposito dei criptici riferimenti a Bacone, con l’unico fine di spillare quattrini a Rodolfo II.


Il capitano della marina militare Prescott H. Currier, nel 1976, presentò ulteriori conclusioni ad un seminario della National Security Agency, a Washington. Egli suggeriva che il manoscritto era stato redatto in due diversi linguaggi, probabilmente da due persone (o anche più) o in due momenti diversi. L’analisi suggeriva inoltre che alcuni simboli comparivano solamente all’inizio delle righe di testo, mentre altri solamente alla fine, e che il lavoro tra gli autori era stato suddiviso in intere pagine o porzioni anche più lunghe (ad esempio le prime 25 pagine della sezione botanica erano scritte da una mano, le seconde venticinque da un’altra). Differiva anche il modo di scrivere, tanto che si poteva ipotizzare che si trattasse di due dialetti differenti (che egli chiamò “Voynich A, e Voynich B) o di due codici simili ma non uguali.
Lo stesso concetto è stato evidenziato poi da altri studiosi, relativamente ai disegni. Molti hanno sostenuto che le raffigurazioni sono state realizzate prima del testo, o comunque in un momento diverso da quest’ultimo, e che la loro qualità era estremamente modesta. Chi le ha fatte non era un bravo disegnatore, oppure aveva fretta. La prima pianta raffigurata nel manoscritto (folio 1 recto) presenta però una grande cura relativamente alle foglie, allo stelo e ai rami, seguita invece da una chiara incuria e mediocrità nei tratti che riguardano le radici e il fiore in cima.


Nello stesso anno (1976) compariva anche un ulteriore studio sul manoscritto, che determinava il livello di entropia del linguaggio “voynichese”. Ci riferiamo allo studio del fisico William Ralph Bennett, il quale mise in evidenza la scarsa entropia-casualità del linguaggio, la semplicità lessicale e la frequente ripetitività sia di parole (a volte parole ripetute quattro volte in un unico foglio) sia di coppie di simboli (ad esempio AM, AN, QA, QC). Questo dato oggettivo, è stato poi strumentalizzato da opinioni discordi. Per alcuni può significare che il testo del manoscritto ha una struttura molto simile a quella di una lingua vera, sebbene molto basilare e con un vocabolario limitato (qualcosa di simile all’hawaiano), ed è quindi improbabile che rappresenti una lingua artificiale o un tentativo di codifica. Per altri potrebbe invece essere qualcosa simile ad un Esperanto, inventato dall’autore. Per altri ancora è stato liberamente inventato dall’autore, in modo casuale: se infatti qualcuno avesse voluto riempire quei fogli di parole inventate, avrebbe finito per ripetere sempre gli stessi gruppi di due o tre lettere (vuoi per abitudine, vuoi per comodità, vuoi per ripetitività, stanchezza, mancanza di inventiva, fretta ecc).


Nel 1978 John Stojko, appassionato di filologia, dichiarò di aver riconosciuto la lingua del manoscritto: era ucraino, con le vocali rimosse, e le consonanti criptate. La traduzione però, pur funzionando in brevi tratti (ad esempio “Il Vuoto è ciò per cui combatte l'Occhio del Piccolo Dio”) o presentando a sprazzi un’apparente logica, non era complessivamente accettabile, e non era coerente con le illustrazioni.
Successivamente l’ipotesi di Stojko venne definitivamente smontata dalla critica, quando apparve chiaro che questi aveva introdotto consonanti e spaziature in modo arbitrario, introducendo inoltre le vocali in modo altrettanto arbitrario. In questo modo si riuscirebbe a trovare una parvenza di senso (tale era, per essere generosi, quella trovata da Stojko) con qualsiasi lingua, non soltanto l’ucraino.


Nove anni dopo, nel 1987, il fisico Leo Levitov, analizzando lo scritto e alcune sue particolarità (come accenti, simboli ecc) sostenne che il testo del manoscritto fosse stato redatto in una lingua sconosciuta (un misto di diverse lingue, in particolare fiammingo e inglese medievali, tedesco e francese antichi) usata nel XII secolo dagli adoratori del culto di Iside. Questo culto prevedeva l’eutanasia, attraverso la recisione delle vene praticata all’interno di una vasca di acqua calda. Per questo motivo, diverse illustrazioni (in alcune delle quali secondo Levitov sono presenti macchinari per l’estrazione del sangue) rappresentano proprio questo evento.

Foglio 75 del manoscritto Foglio 78 del manoscritto
Fogli 75 e 78 del manoscritto.

Più precisamente queste immagini sembravano rappresentare un rito specifico della cultura catara: l’Endura. Secondo la traduzione di Levitov il catarismo sarebbe stato una sopravvivenza dell’antico culto pagano di Iside, e la pratica rituale dell’Endura sarebbe stata un suicidio rituale. Pertanto Levitov attribuì il manoscritto agli eretici Catari. Sarebbe inoltre l’unico testo cataro giunto fino a noi, essendo messi al rogo tutti gli altri in seguito alla crociata di Innocenzo III e le successive repressione cattoliche (1208-1245).
Tutto ciò è però in contraddizione con l’opinione degli storici (come fecero notare in particolare il linguista francese Jacques Guy e l’esperto inglese Dennis J. Stallings), i quali contestano radicalmente le dichiarazioni di Levitov secondo cui nessun testo cataro sarebbe sopravvissuto all’Inquisizione. Anzi dai testi catari sopravvissuti, emerge che l’ipotesi di Levitov non corrispondeva (e anzi era in contraddizione) con la cultura catara. Il culto di Iside non era del resto patrimonio dei Catari, e l’Endura non era un suicidio rituale in massa praticato svenandosi, bensì una pratica individuale eseguita in via eccezionale lasciandosi morire di fame.
Inoltre, cosa non meno importante, la traduzione svolta da Levitov presentava molte incongruenze ed aveva poco senso anche dal punto di vista meramente letterario e filologico. Giocando su presunte e discutibili etimologie di alcune parole, modificate all’occorrenza a piacimento, aggiungendo lettere e inserendo verbi di una sola lettera, si giungeva al fine a presentare delle frasi comunque piuttosto insensate.


Nel 1995 un esperto di botanica, Sergio Toresella, dopo aver ispezionato il manoscritto alla libreria Beinecke (Yale Univeristy) scrisse un articolo (Gli erbari degli alchimisti, in: L. Saginati, Arte farmaceutica e piante medicinali…) secondo il quale il manoscritto Voynich era stato scritto in uno stile che ricordava molto quello degli umanisti italiani, e quindi probabilmente databile attorno alla metà del quattrocento. Lo scopo per il quale era stato redatto poteva essere quello di impressionare la clientela di qualcuno, forse un medico, forse un mago, o un ciarlatano.
Anni dopo, nel 2007, Toresella confermerà questa opinione dicendo che “gli studi primari provengono tutti da specialisti in matematica e in crittografia: mancano gli storici della botanica o dei codici antichi; è un peccato perché per quanto un’opera umana possa essere avulsa dal contesto cui si riferisce sarà sempre in qualche modo figlia del suo tempo e il codice Voynich è un prodotto degli anni 60-70 del XV secolo ed è sostanzialmente connessa con quella cultura e con quanto l’ha preceduto”.

Lo storico dell’arte Erwin Panofsky fece invece notare che lo stile delle immagini non presentava influssi gotici (mancando linee acute e rigide tipiche di quest’arte), ma non aveva ancora le caratteristiche tipiche dell’arte rinascimentale, pur essendo chiare le linee piene e morbide che preludono lo stile cinquecentesco. In base a tutto ciò si dovrebbe stimare la datazione del manoscritto non oltre il primo ventennio del 1500.

Concordi con datazioni non dissimili (XV secolo) sono anche altri studiosi che hanno potuto apprezzare alcune immagini del manoscritto. Ad esempio figure di castelli ed edifici che sembrano di stile ghibellino collocabili soprattutto nel Nord Italia, oppure connessi con gli scaligeri della regione attorno a Verona, a partire dal XIV secolo. Altro esempio è l’immagine del sagittario, nella sezione astrale, rappresentato da un uomo con la balestra. Il suo abito è tipicamente tedesco e sembra lo stesso che è rappresentato sia in uno scritto di Costanza del tardo 1400, sia su una tomba di un guerriero tedesco a Würzburg. Oppure il disegno di una libra (bilancia) in uso tra il 1350 e il 1500. Anche Jens Sensfelder, esperto in armi e strumentazioni medievali, si è recentemente pronunciato in tal senso.

elmetto e libra
Arciere, libra, elmetto

Infine lo studio – già menzionato – del professor Robert Brumbaugh aveva già evidenziato diversi particolari, utili per individuare le origini del manoscritto nel tempo e nello spazio. Egli ad esempio aveva osservato che «il Sagittario ha un copricapo da arciere fiorentino del quindicesimo secolo». Nel grande disegno del foglio 85 recto era anche visibile un orologio con due lancette, una grande ed una piccola, in una forma che molto probabilmente non apparve prima del XV secolo.

Tutto lascia intendere insomma che le origini siano da rintracciare nel XV secolo, nella zona alpina (tra Italia, Austria, Francia, Germania).


Nel 1998 René Zandbergen e Gabriel Landini hanno ideato lo “European Voynich Alphabet” (EVA): un sistema per trascrivere i vari grafemi (lettere) che compongono il testo del manoscritto Voynich in caratteri romani.

Con EVA, ogni segno Voynich è rappresentato da una lettera più o meno simile dell'alfabeto latino. Ad esempio, il simbolo Voynich viene assegnato al carattere romano "p". Così, il manoscritto Voynich può essere tradotto in un supporto informatico che consente una pronta analisi statistica (frequenza delle singole lettere, rapporti di lettere tra di loro, ecc.) Come effetto collaterale, ciò rende possibile anche discussioni su stringhe di testo via e-mail o sul web.


Dato che l'alfabeto del manoscritto Voynich è sconosciuto, è discutibile se due simboli differenti in realtà descrivano due diversi grafemi, o se piuttosto siano solo varianti dello stesso grafema . Questo è forse un punto di debolezza di EVA, poiché rischia di scartare dettagli sottili che possono essere rilevanti per la comprensione del testo.


Arriviamo così all’attuale secolo. Gordon Rugg (linguista inglese, psicologo, docente alla Keele University, membro della Society of Authors), sulla base di alcune ricerche sull’estrazione e sulla gestione di informazioni, insieme a Joanne Hyde aveva sviluppato un metodo di analisi delle questioni complesse denominato "Verifier Approach". Il metodo sostanzialmente permetteva di identificare gli errori nella documentazione, farli emergere, e - in base ai riscontri - suggerire nuovi percorsi di ricerca. Nel 2004 egli decise di applicare questo metodo al manoscritto Voynich, per vedere cosa ne sarebbe scaturito.
In sostanza Rugg identificò un metodo di crittazione capace di produrre un risultato simile a quello presente nel manoscritto, che fosse però già in uso nel sedicesimo secolo: la griglia di Cardano. Ideata da Girolamo Cardano nel 1550, e già in uso presso i servizi segreti dell’epoca elisabettiana, consiste in una griglia da sovrapporre ad un testo, in modo tale che la sovrapposizione oscuri le parti superflue del testo, lasciando visibile solo il messaggio da cogliere. Se però nel testo non ci fosse alcun messaggio accluso da esporre (e quindi nessuna griglia capace di mostrarlo), il metodo sarebbe molto semplice. Utilizzando griglie casuali, o anche una singola griglia spostata più volte in modo casuale su una tabella sottostante contenente del testo, lo stratagemma avrebbe potuto generare qualcosa di simile al “voynichese”.

Foglio 75 del manoscritto Foglio 78 del manoscritto
Cardano e Griglia
Immagini Wikimedia Commons


È proprio questa l’ipotesi di Rugg, secondo il quale non c’era alcun messaggio segreto codificato nel testo. La complessità di costruzione delle frasi e delle parole, suggerisce che la griglia sia stata usata per comporre il testo, e non per codificarlo. Rugg avrebbe scoperto anche la tipologia di tabella (griglia) usata dall’anonimo autore. Questa probabilmente aveva le sillabe sul lato destro più lunghe, come si evince dalla maggiore dimensione dei prefissi rispetto alle altre sillabe. Nell'aprile 2007 il fisico teorico e programmatore austriaco Andreas Schinner, ricercatore presso la Johannes Kepler University, pubblicherà uno studio sulla rivista specialistica Cryptologia che sostanzialmente conforterà le conclusioni di Gordon Rugg.


Nel 2005 Jorge Stolfi, studioso brasiliano presso l’Università di Campinas (che già negli anni precedenti aveva proposto l’ipotesi che il testo fosse stato composto combinando sillabe casuali da alcune tabelle di caratteri) ha scoperto una nuova struttura delle parole del manoscritto. Suddividendo tutti i caratteri nelle due categorie “soft” e “hard”, ha mostrato che la gran parte delle parole possono essere raggruppate in tre gruppi: prefissi, medie, suffissi. I prefissi e i suffissi consistono in caratteri soft, i medi in caratteri hard. Questi ultimi sono distribuiti nel testo secondo uno schema ben preciso. Tutto ciò ricorda molto la lingua cinese, le cui parole sono costituite da tre parti fonetiche: un prefisso (tono del vocabolo), una componente centrale (consonante) e un suffisso (vocale). In sostanza la struttura del “voynichese” sarebbe affine alla struttura fonetica del cinese. Inoltre due caratteri “hard”, ove capovolti, mostrerebbero una somiglianza con due ideogrammi cinesi. Da questi elementi Stolfi deduce che l’autore del manoscritto possa essere un cinese, che avrebbe ideato un codice per tradurre in caratteri occidentali la sua lingua. Questa recente ipotesi (che ad oggi non ha condotto comunque ad alcuna soluzione o decifrazione) ha fatto poco breccia tra gli studiosi, poiché le illustrazioni del manoscritto non hanno alcun influsso cinese od orientale, bensì sono in chiaro stile occidentale. Molti piccoli dettagli determinano con relativa certezza che il manoscritto sia stato creato in Europa, verosimilmente tra le Alpi italiane e la Germania. Fino a prova contraria quella riscontrata da Stolfi è ritenuta, con ogni probabilità (se fosse confermata), una bizzarra coincidenza.


Siamo invece nel 2006 quando esce un libro molto interessante che propone una soluzione originale sull’origine di questo manoscritto. Il libro si intitola “Curse of the Voynich. The secret history of the world’s most mysterious manuscript” e il suo autore è Nicholas Pelling, uno studioso che gestisce un importante blog sui “misteri cifrati” (infatti si intitola “Cipher Mysteries”), e probabilmente il più completo ed aggiornato sul caso Voynich. Ritenendo, al pari di molti storici, che parte della scrittura nei margini del manoscritto era stata quasi certamente aggiunta nel quindicesimo secolo, Pelling esclude apriori una datazione successiva al 1500. De resto egli notò che in alcune immagini del manoscritto risultava chiaro uno stile di “tratteggio parallelo”, inventato nel 1440 a Venezia, ma diventato già fuori moda (anche perché non più conveniente) nel 1480, per essere definitivamente abbandonato del 1510.
Egli non tenta di decifrare la scrittura, ma si concentra minuziosamente sulle caratteristiche fisiche del manoscritto, e sull’ambiente storico dove una simile opera possa essere stata prodotta. Ad esempio egli osserva che i numeri dei fogli, come i “quire numbers” (numeri ordinali in latino) siano probabilmente non corretti, ed aggiunti in un secondo momento; come i bi-fogli non siano stai posizionati nel verso giusto, o in altri casi affiancati a caso; come i colori delle raffigurazioni siano probabilmente stati aggiunti in un secondo momento.
Questo approccio lo porta comunque a considerare l’ipotesi che il manoscritto abbia avuto origine nella Milano degli Sforza, e che possa essere attribuito all’architetto italiano Antonio di Pietro Averlino (Firenze, 1400 circa – Roma, 1469), detto “Filarete” (ovvero “colui che ama le virtù”). Gli indizi che portano al Filarete sono vari. Ad esempio Glen Claston suggerì che i disegni del manoscritto, soprattutto nella parte botanica, non riguardavano erbe e medicinali, ma piuttosto la codifica di alcuni segreti di giardinaggio (come ad esempio il periodo e il modo migliore per potare determinate piante ecc). Dobbiamo allora tener conto di quanto dice Thorndike nel suo libro “Scienza & pensiero nel quindicesimo secolo”, allorché ricorda come Giovanni Michele Alberto ha descritto un ormai perduto libro sull’agricoltura di Antonio Averlino (Filarete), scritto in lingua vernacolare (ovvero parlata e popolare) e si domanda se possa trattarsi proprio dello scomparso libro di agricoltura cui accenna il Filarete stesso nel suo “libro architettonico”.
A prescindere comunque dal grado di plausibilità delle conclusioni di Pellng, il suo lavoro è interessante per l’accuratezza con cui tratta un insieme di elementi marginali, che possono invece rivelarsi utilissimi per comprendere vari aspetti di questo manoscritto. Egli suggerisce anche delle ipotesi di lavoro e di ricerca che, se poste in essere, potrebbero sciogliere diversi dubbi.


Nel 2009 l’informatico Richard Rogers avrebbe scoperto che il manoscritto non conteneva parole, bensì numeri, algebra simbolico. Sarebbe una sorta di antico foglio di calcolo, con un messaggio segreti crittato nelle figure.
La scoperta di Rogers è stata casuale. Stava lavorando ad un algoritmo per il Dipartimento di Stato americano, e per testare il suo programma ha usato una pagina del manoscritto. Il computer ha così fornito i dati contenuti nel manoscritto in codice macchina. Rogers ritiene che i caratteri in “voynichese” esprimono una sorta di linguaggio simbolico (che lui chiama “proto-sentential logic” o “sententional propositional calculus”) per crittare immagini-forme segrete (che lui chiama “rune” o “glifi runici”). Tutto il manoscritto è basato su una griglia 8X8, contenente lettere nella parte alta e numeri in quella bassa. La prima pagina conterrebbe invece le istruzioni per leggere il manoscritto.
In base a complessi e inestricabili calcoli di cui sfugge anche il metodo di applicazione (chi volesse arrovellarsi può approfondire qui: www.ciphermysteries.com/2009/11/12/richard-rogers-voynich-theory) Rogers sarebbe giunto alla conclusione che il manoscritto fu redatto in Italia, da più mani: Martino Longhi (1534-1591), Onorio Longhi e Martino Longhi il giovane (1602-1660). Rogers sostiene anche che il giardino di Villa Mondragone (dove fu prelevato da Voynich), rappresenti una griglia che si integra con il documento stesso, il quale conterrebbe importanti segreti commerciali.

giardini di villa mondrgone
Giardini di Villa Mondragone a Frascati


Questa ipotesi appare piuttosto fragile, complicata e fantasiosa, inoltre è recentissima e ancora in fase di studio (perfino da parte del suo stesso inventore), per cui prudenza ci consiglia di non pronunciarci ancora. Diciamo che per ora – al di la del proclama - non sono state fornite prove o dimostrazioni di alcun genere sulla sua plausibilità. Viceversa sembrano molti gli elementi sospetti (ruolo integrante del giardino della villa, improbabilità degli autori e del movente) o di sconfessione (datazione al radiocarbonio, che paradossalmente avveniva proprio pochi mesi dopo che Rodgers proclamava le sue scoperte). Inoltre la dichiarazione di Rogers sembra essere stata una sorta di meteora, agli onori della cronaca per un giorno e poi totalmente finita nel dimenticatoio. Limitiamoci a dire che finché non venga chiarito meglio il sistema utilizzato, o almeno mostrata una qualche evidenza concreta a supporto, probabilmente è lecito non tenere questa ipotesi in eccessiva considerazione.


Ma il 2009 è un anno di fondamentale importanza non certo per la teoria di Rogers, quanto perché l'Università di Yale autorizza la datazione al radiocarbonio del manoscritto. L’operazione (curiosamente riportata su moltissime fonti in data febbraio 2011) avviene tra il novembre e il dicembre 2009, in corrispondenza con un documentario sul manoscritto diretto da Walter Koehler e girato dalla tv austriaca (mandato in onda il 10 dicembre 2009). Greg Hodgins ed il suo team della “UA’s Department of Physics” in Arizona, hanno prelevato quattro frammenti lunghi sei millimetri e larghi uno, da altrettante pagine del manoscritto, in differenti sezioni dello stesso. I frammenti sono stati sottoposti allo spettrometro di massa con acceleratore e datati, con una probabilità del 95%, ad un periodo compreso tra il 1404 e il 1438. Purtroppo non è stato possibile datare anche l’inchiostro, essendo difficilissimo da prelevare, e comunque con quasi certa assenza di carbonio.

I pigmenti, e l’inchiostro usato per la scrittura e i disegni, sono però stati analizzati dall’istituto McCrone. I risultati dettagliati e definitivi non sono ancora noti al grande pubblico, ma sappiamo già che sono coerenti con la datazione al radiocarbonio. Inoltre sono state riscontrate variazioni minime nella composizione di inchiostro in tutto il manoscritto, che fu interamente compilato con un inchiostro ferrogallico, di uso piuttosto comune in tutto il mondo. I pigmenti si sono rivelati a base di minerali terrestri di alta qualità, ed anche questo non fa scalpore, essendo noti fin dal medioevo. La ricchezza dei materiali utilizzati è anch’essa compatibile col manoscritto stesso: buona qualità, non accessibile a chiunque, ma non tale da potersi considerare eccelsa o per pochi ricchi.

La datazione evidentemente rafforza determinate ipotesi, e ne rende meno credibili molte altre ventilate fino ad oggi. Tra le quali ce ne sono dozzine di cui non ci siamo occupati in questo articolo, perché riteniamo scarsamente plausibili. Vale la pena però elencarle, a beneficio di chi volesse approfondirle:

Tim Ackerson ritiene che il manoscritto sia in pre-gallese o antico scozzese. Tra il 700 e l’800.

Zbigniew Banasik sostiene sia scritto nella lingua mancese (Manciù).

Dan Burisch ritiene sia stato scritto da Ruggero Bacone in ebraico cifrato, e che esso descrivesse una sorta di tecnologia aliena proveniente dal futuro per creare-modificare il DNA tramite il suono.

Jim Child ritiene che il “voynichese” sia un linguaggio fonemico pre-germanico.

Jim Comegys sostiene che il manoscritto sia stato scritto da Francisco Hernandez, in Nahuatl (lingua azteca).

Erich von Däniken lo ritiene collegato con il libro di Enoch.

Karel Dudek ha sostenuto che l’autore fosse Georg Handsch von Limuz.

James Finn (“Big Jim”) propone la teoria che il manoscritto sia un ammonimento in ebraico sull’imminente fine del mondo.

Beatrice Gwynn ritiene che sia un manuale di igiene del 1500, scritto in germanico riflesso in orizzontale (come in uno specchio).

Wayne Herschel ritiene che possa contenere dei segreti scritti da Gesù per Giuda (in particolare il folio 68 recto terza immagine).

George Hoschel Jr. pensa si tratti di un curioso genere di ricettario in latino antico.

Volkhard Huth sarebbe giunto alla conclusione che si tratti di un testo proveniente dalla Germania, tra il 1480 e il 1500.

Jody Maat sostiene che il manoscritto sia leggibile in un antico olandese, con influssi poliglotti.

Adam D. Morris sospetta che il manoscritto possa avere a che fare con il Pandora di Hieronymus Reusner.

Rolando Hernandez Rivero sostiene che il manoscritto sia in spagnolo antico, con intermittenze di latino ed inglese.

Richard SantaColoma ha affermato che il manoscritto fu probabilmente critto da Cornelius Drebbel, o in alternativa sarebbe potuto essere un lavoro di Francis Bacon, incompiuto o propedeutico a qualcosa.

Dirk Schröder lo ritiene un’opera della Cabala con poteri numerologici.

Edith Sherwood ritiene che il manoscritto fu creato da Leonardo Da Vinci in giovanissima età (attorno agli 8-10 anni).

Mark Sullivan ritiene che la colonna di numeri nel folio 66 recto sia la chiave per decifrare il testo, scritto in latino.

Mandy Tonks ritiene che il manoscritto sia un falso, e che Wilfrid Voynich abbia anche falsificato la lettera di Marci che egli dichiarò di aver trovato insieme al testo.

Wilfrid Voynich era convinto che fosse opera di Bacone.

In una conferenza tenuta in Italia nel Maggio 2012 tra esperti del manoscritto Voynich, è stata presa in considerazione l’ipotesi che il suo autore possa essere stato Poggio Braciolini (1380 – 1459) umanista e storico italiano, attivo nella Firenze medicea. Un anonimo studioso Greco ha proposto di sostituire le lettere del “voynichese” con equivalenti ebraici, il che produrrebbe un testo arabo.

Un anonimo studioso ucraino (tal”Michael”) sostiene che il testo possa essere nascosto in linee multiple, o in stile-Tritemio cioè con parole alternate.

Un anonimo tedesco ritiene ci sia un legame con l’acqua, ed ha pubblicato la sua ipotesi su youtube sotto il titolo “DE Aqua”- Voynich Theory.

Un anonimo spagnolo ha invece pubblicato la sua ipotesi sulla teoria della fonte di giovinezza (“mountain of yoth” – Voynich Theory) e su probabili legami del manoscritto con Juan Ponce de León.


CONCLUDENDO

Dopo circa 600 anni (presunti tali) dall’origine di questo manoscritto, e dopo un secolo di incessanti indagini, rimane attuale l’antico ammonimento pronunciato – sembra – da Johannes Marcus Marci: ''Sfingi simili non obbediscono che al loro padrone''.

Ora il padrone, chiunque fosse, è sepolto da tempo e – a quanto pare – senza averci lasciato grandi indizi. Si brancola nel buio.
A noi pare tuttavia che questo buio possa prima o poi trasformarsi almeno in penombra, a patto di rinunciare a ipotesi fantasiose ed astratte, di rinunciare alla corsa forsennata alla decrittazione ad ogni costo e con qualsiasi metodo. Invece sarebbe opportuno concentrarsi su ciò che sembra essere oggettivamente plausibile, fondato, verosimile.
Partendo dai dati più certi di cui si possa disporre: gli esami chimici, scientifici e al radiocarbonio del 2009. Gli ultimi ci dicono che la pergamena di capretto su cui è dipinto il testo risale ad un periodo compreso tra il 1404 e il 1438. Da questa data, fino a quando questa pergamena è divenuta un manoscritto, sono verosimilmente passati alcuni (pochi) anni. Ciò è compatibile con altre evidenze abbastanza qualificate, come l’esame sugli inchiostri. È compatibile anche con le rappresentazioni dei disegni, lo stile e il tratto di “pittura”, la raffigurazione di piante,animali,armi e strumenti. È certamente alta la probabilità che questo manoscritto sia stato scritto attorno alla metà del XV secolo (probabilmente tra il 1440 e il 1480).
Il suo autore deve presumersi fosse una persona di sufficiente ingegno e cultura, probabilmente benestante ma non ricco, verosimilmente con conoscenze alchemiche, mediche, astrologiche o botaniche (o tutte queste insieme). Deve anche presumersi che quando scrisse il manoscritto fosse nella sua maturità dell’intelletto, quindi presumibilmente qualcuno nato nei primissimi anni del 1400. Probabilmente in Europa, tra Italia del Nord, Francia alpina, Austria, Germania meridionale e Boemia, Probabilmente qualcuno legato ad ambienti gesuiti o di corte. La motivazione del manoscritto deve essere verosimilmente ricercata in due ordini di motivi: occultare un sapere, o perpetrare una frode.
Non è molto, e non è certo, si tratta di congetture. Tuttavia sono probabilmente le migliori congetture che si possono fare se si vuol restringere il campo nella ricerca di un presunto autore. Sarebbe però sbagliato affannarci a cercare un autore, il quale dovrebbe viceversa emergere dallo studio del suo artefatto. Evidente allora che siano necessarie ulteriori indagini. In futuro potrebbe tornarsi ad esaminare scientificamente il manoscritto, con modalità non ancora intentate, o con strumenti di indagine che il prossimo futuro ci metterà a disposizione. Anche indagini collaterali (ad esempio la datazione delle lettere riguardanti il manoscritto, o i relativi esami calligrafici) potrebbero sgomberare il campo da dubbi non ancora del tutto fugati. La collaborazione tra operatori e studiosi qualificati sarà certamente uno strumento essenziale nell’avanzamento delle conoscenze. L’università di Yale giustamente non sembra propensa a favorire l’accesso al manoscritto a chi non disponga di valide credenziali. Un gruppo qualificato di ricerca potrebbe però stilare un programma di intervento attraverso il quale carpire un insieme di dettagli ed informazioni utili, nel rispetto delle esigenze dell’Università, e di quelle di tutela dell’opera. Magari ove affiancato da tecnici specializzati e supportato da una personalità istituzionale, avrebbe certamente le carte in regola per accedere il più approfonditamente che sia possibile a questo manoscritto, e carpirne particolari apparentemente marginali. Un esame al radiocarbonio degli inchiostri sarebbe, ad esempio, di indubbio interesse, come pure la ricostruzione della corretta impaginazione originaria. Tutto questo dovrebbe essere affiancato da indagini d’archivio, sulla ancora latente documentazione storica riguardante il manoscritto e i personaggi coinvolti nelle sue vicende. Molte altre idee sono state proposte o ventilate dagli studiosi stessi, e sarebbe certamente di grande aiuto riuscire a metterle in pratica.
La nostra sensazione è che difficilmente avremo altre risposte da questa “sfinge”, se non gli verranno poste le giuste domande.
Ma anche queste sono congetture. Forse domani, o forse tra mille anni, qualcuno scoprirà qualcosa per caso, e la matassa sarà subitamente dipanata. E forse chissà, il contenuto sarà probabilmente deludente rispetto alle più messianiche aspettative che da oltre un secolo molti di noi hanno riposto in questo testo.


Di Leonardo Dragoni
per “Cropfiles.it”



Questo articolo e le relative immagini sono stati prodotti attingendo a varie fonti online e librarie (citate in discalia e in calce). Qualora vogliate proporre delle rettifiche, o venga riscontrata una eventuale violazione di copyright, si prega di farne segnalazione, e provvederemo ad una immediata sanatoria. È vietato riprodurre questo articolo o parte di esso senza l'esplicito consenso da parte dall'autore.
Leonardo Dragoni e Cropfiles.it copyright 2012




Scansione completa delle pagine del manoscritto:
http://beinecke.library.yale.edu/digitallibrary/voynich.html
http://www.voynich.com/folios/


Fonti:
http://www.nsa.gov/public_info/_files/tech_journals/Voynich_Manuscript_Mysterious.pdf
http://www.voynich.nu
http://hurontaria.baf.cz/CVM/
www.ciphermysteries.com/
Wikipedia
Agnes Arber, Herbals, their origin and evolution (Cambridge Science Classics)
Jan. B. Hurych, THEODORUS MORETUS or THE MESSENGER TO ROME
Jan. B. Hurych , A28. VM PHILOSOPHY versus VM POLITICS - First published in the Journal of Voynich Studies.
Gabriel Landini, René Zandbergen, A Well-kept Secret of Mediaeval Science: the Voynich manuscript
Grzegorz Jaskiewicz, Analysis of Letter Frequency Distribution in the Voynich Manuscript (http://csp2011.mimuw.edu.pl/proceedings/PDF/CSP2011250.pdf)
Jim Reeds, William F. Friedman’s Transcription of the Voynich Manuscript, AT&T Bell Laboratories, Murray Hill, New Jersey 07974 (www.dtc.umn.edu/~reedsj/voynich/wff.pdf)
Tiltman, John: The Voynich Manuscript, The Most Mysterious Manuscript in the World. NSA, Technical Journal 12 (July 1967), pp.41-85.
Toresella, Sergio: Gli erbari degli alchmisti, in: L. Saginati, Arte farmaceutica e piante medicinali; erbari, vasi, strumenti e testi dalle raccolte liguri, 1995
Prescott Currier, Some Important New Statistical Findings, 1976 (http://www.voynich.nu/extra/curr_main.html)
Cortesi Paolo, Manoscritti Segreti, Newton & Compton Editori, 2004
Jacques B.M. Guy, ON LEVITOV’S DECIPHERMENT OF THE VOYNICH MANUSCRIPT
Levitov’s Account of Catharism (http://www.bibliotecapleyades.net/ciencia/esp_ciencia_manuscrito04.htm#Printed Sources) Paolo Cortesi, La storia e l'elegante enigma del manoscritto di Voynich, in Scienza & Paranormale n. 57.
William Poundstone, Labirinti della ragione, 1991, Pan Libri S.r.l.
William Romaine Newbold, Roland Grubb Kent, Cipher of Roger Bacon, Kessinger Publishing Co, 1928.
Strong, L.C. Anthony Askham, the author of the Voynich Manuscript. Science, new series 101 (15 June 1945)
Bennett, W.R. Scientific and Engineering Problem Solving with the Computer, Englewood Cliffs: Prentice-Hall, 1976
Browne, Sir T. (citation) in Works, G. Keynes, ed., 1931, v.6, p. 325.
Brumbaugh, R.S. The World's Most Mysterious Manuscript. Carbondale: Southern Illinois University Press, 1978. London: Weidenfeld and Nicholson, 1977
Feely, J.M. Roger Bacon's Cipher: The Right Key Found. Rochester, NY., 1943
D'Imperio, M.E. The Voynich Manuscript - an elegant enigma. Aegean Park Press, Laguna Hills, California, 1978
Newbold, W. R. The Cipher of Roger Bacon, edited with foreword and notes by R. G. Kent. Philadelphia: University of Pennsylvania Press; London, H. Milford, Oxford University Press, 1928.