HOMEPAGE ALTRI MISTERI ARCHIVIO DOCUMENTI ARTICOLI BIBLIO NEWS LINKS CHI SIAMO FORUM FEEDBACK


il database sui cerchi nel grano
Il cerchio nel grano di Chilboton
Risposta al messaggio di Arecibo?


(versione in PDF - click qui)
Il cerchio nel grano di Chilboton
Risposta al messaggio di Arecibo?


L.D - @ Cropfiles.it

Ad Arecibo, sulla costa Nord del Portorico, ricavato all’interno di una cavità naturale nella roccia, è installato da oltre 35 anni il più grande radio-telescopio del mondo. La superficie riflettente (specchio radio) è di 305 metri di diametro; è profondo 50 metri e ricopre una superficie di circa venti acri. La superficie è composta da quasi 40.000 pannelli di alluminio perforati, ciascuno dei quali misura circa 0,9 per 1,8 metri, sostenuti tramite una rete di cavi d'acciaio che scorrono al di sotto della cupola. Quello di Arecibo è un riflettore sferico (non parabolico) e il suo formato gigante è ciò che rende l'osservatorio portoricano la più grande antenna focalizzante curvata sul pianeta, e il radiotelescopio più sensibile del mondo. E’ dotato di un trasmettitore potentissimo, che viene anche utilizzato dall’Università di Cornell e dal governo americano per studiare lo spazio lontano.

Centoquaranta metri sopra il riflettore troneggia la piattaforma di 900 tonnellate che regge le enormi antenne. Simile nel disegno ad un ponticello, è tenuta in aria da diciotto cavi, che sollevati da tre torri, sono ancorati ad altrettanti blocchi di cemento. Il sistema di fissaggio è resistente quanto funzionale, e permette la registrazione dell'altezza e dell’angolo della piattaforma con precisione millimetrica.

Appena sotto la struttura triangolare della piattaforma superiore vi è un binario circolare su cui gira il braccio di azimut. Il braccio di azimut è una struttura a forma di arco lunga 100 metri. La parte curvata del braccio comprende un altro binario, su cui sono posizionati un carrello scorrevole e una sorta di cupola per la ricezione di particolari frequenze che possono essere posizionati dovunque fino a venti gradi dalla verticale. Appese sotto la base del carrello vi sono varie antenne lineari ciascuna sintonizzata su una banda stretta di frequenze. Queste antenne guardano verso il basso e sono progettate specialmente per il riflettore sferico. Un totale di 26 motori elettrici gestisce la piattaforma, permettendo di spostare l'azimut, il carrello e la cupola in ogni posizione con precisione millimetrica.

Arecibo radio-telescope
Foto e info: ww.theblueplanet.ch


Frank Drake (all’epoca direttore dell’osservatorio) e Carl Sagan, ritenevano che l’essere umano fosse probabilmente solo nell’universo, non perché non ci possa essere vita altrove, bensì perché questa vita sarebbe talmente lontana da non poter entrare in contatto con noi, e nessuna civiltà potrebbe vivere abbastanza a lungo da coprire questa enorme distanza.

Fu così che il pomeriggio del 16 dicembre 1974 – era stato da poco potenziato il telescopio di Arecibo - il SETI (Search for Extra-Terrestrial Intelligence) decise di utilizzare questo imponente ed avanzatissimo radio-telescopio per inviare un messaggio in codice binario verso lo spazio. Si metteva così alla prova l’assunzione di Drake e Sagan, i quali furono i primi artefici del contenuto del messaggio di Arecibo.

Le onde elettromagnetiche inviate da Arecibo avevano una intensità impressionante. L'invio del messaggio ha richiesto tre minuti, ed è stato effettuato una sola volta. Il messaggio è stato codificato tramite il semplice spostamento del segnale fra due frequenze, poste nella banda dei 2.380 MHz, variando la frequenza di trasmissione di 10 Hz (tecnica FSK), per indicare il valore (1 o 0) di ciascun bit, e consisteva in 1679 impulsi di codice binario (zero ed uno).

Il fascio di onde elettromagnetiche inviate copriva una piccola parte di cielo, essendo indirizzato precisamente – attraverso la Via Lattea – verso un ammasso globulare di stelle chiamato M13, situato nella costellazione di Ercole, e comprendente centinaia di migliaia di stelle. L’ammasso si trova a circa 23.000 anni luce di distanza dalla Terra.

M13


La comunicazione effettuata in questo modo, nella migliore delle ipotesi, avrebbe potuto ricevere risposta soltanto dopo diversi secoli, perché tanto è il tempo che ci vuole prima che il segnale di Arecibo possa fisicamente raggiungere l’ammasso M13.

Il fascio di trasmissione di Arecibo aveva una ampiezza di circa 2 minuti d'arco, che equivale più o meno ad 1/15 del diametro della luna piena. È un fascio – come detto - estremamente stretto. La possibilità che questo fascio colpisca altri pianeti sulla sua traiettoria è secondo gli scienziati estremamente bassa, praticamente trascurabile. Vedremo come questo aspetto riveste di una certa importanza, ma prima occupiamoci di capire cosa era scritto in questo messaggio inviato verso lo spazio profondo.

Ebbene nel messaggio erano contenute delle informazioni essenziali sulla Terra e sull’essere umano, una sorta di biglietto da visita che il terrestre porge all’eventuale abitante sconosciuto dello spazio extra-terrestre. Vi era dunque il nostro indirizzo (quello cioè della Terra, relativamente al sistema solare), la nostra foto (cioè la descrizione stilizzata di un uomo) e quella del telescopio utilizzato per inviare il messaggio; infine qualcosa sugli elementi più diffusi sul nostro pianeta (carbonio, idrogeno, ossigeno, azoto, fosforo) e qualcosa riguardo la nostra struttura biologica (il DNA e qualche elemento costitutivo della nostra biochimica). Il tutto rappresentato attraverso codice binario, cioè numeri primi.



In alto c’è dunque la rappresentazione binaria da 1 a 10, o meglio la definizione del sistema di calcolo dei numeri binari. Per comprendere questo sistema, possiamo banalmente contare come faremmo normalmente, ma escludendo qualsiasi numero che non sia zero o uno. Pertanto non conteremo 1,2,3,4 ecc bensì 1,10,11,100,100 ecc.. Questa parte del messaggio è stata trasmessa per prima, e dovrebbe costituire senza dubbio l’inizio del messaggio (infatti svela il linguaggio o codice in cui il messaggio è trasmesso, fornendo la chiave di interpretazione dello stesso).

La sezione successiva contiene i valori binari 1, 6, 7, 8 e 15, che indicano i numeri atomici degli elementi primari della vita sulla Terra: idrogeno, carbonio, azoto, ossigeno e fosforo.



Insieme sono indicate le formule degli zuccheri e delle basi nei nucleotidi del nostro DNA. Alcune voci secondo cui erano stati introdotti di proposito degli errori al fine di smascherare dei possibili falsari risulta infondata, poiché il codice è esatto.



Poi la rappresentazione della doppia spirale dell’acido desossiribonucleico (DNA). La formula chimica per le componenti molecolari del DNA può essere rappresentato come in figura qui sotto.



Sotto all’indicazione chimica del DNA c’è una rappresentazione della sua struttura a doppia elica. Al centro delle due eliche abbiamo un numero a 32 bit, orientato lungo l’asse dell’elica, per suggerire che il suo scopo è comunicare la dimensione complessiva delle molecole: tre bilioni, è approssimativamente il numero di nucleotidi presenti nel genoma umano.



Sotto al DNA abbiamo una stereotipizzazione del corpo umano, con due braccia e due gambe.



A sinistra dell’immagine umana è il numero binario 1110 (rappresenta il 14) scritto al centro della barra di sinistra, che è alta come l’immagine dell’uomo. La barra suggerirebbe che quel numero fornisca la dimensione della figura. Ma in quale unità di misura? Presupponendo che il destinatario del messaggio conosca la lunghezza d’onda con la quale il messaggio viene ricevuto (in unità di lunghezza d’onda, wavelenght units” = 12,6 centimetri) ciò fornisce una scala di misura. Quattordici di queste unità di misura sono 176 cm, cioè orientativamente l’altezza media dell’uomo.

A destra dell’immagine umana invece è un altro numero a 32 bit, stavolta il valore binario della popolazione terrestre (che tradotto significa circa 4,29 bilioni di persone – stima della popolazione mondiale nel 1974).

A questo punto occorre una precisazione. Molti disegni, reperibili in internet ma anche su libri e carta stampata, riportano queste ultime due informazioni in modo inverso, cioè l’altezza media a destra e la popolazione a sinistra. La stessa cosa accade – come vedremo – per la rappresentazione grafica dell’antenna, che molti riportano riflessa orizzontalmente rispetto alla traduzione grafica “letterale”.

La sezione successiva è una rappresentazione semplificata del nostro sistema solare, che mostra il Sole e nove pianeti, sommariamente indicandone le dimensioni. La Terra è spostata direttamente sotto la figura dell’uomo ed è scalata in alto rispetto alle altre, evidenziando in questo modo che si tratta del pianeta su cui viviamo,e da cui è stato inviato il messaggio.



L’ultima sezione indica l’origine specifica del messaggio stesso: il radiotelescopio di Arecibo, e il suo diametro indicato in un numero binario in basso (100101111110. che – secondo la stessa logica di prima – significa 306 metri).



Vediamo di capire ancora di più di questo messaggio e della modalità con cui è stato inviato. Abbiamo detto che sono stati inviati 1679 impulsi, e la ragione di questo numero risiede nel fatto che 1679 è l’unico prodotto di due numeri primi: 23 e 73. Si presume che una forma di vita dotata di intelligenza non dovrebbe ignorare delle costruzioni universali e univoche come gli elementi chimici, le frequenze, il codice binario, ed i numeri primi (mentre potrebbe facilmente ignorare delle costruzioni appartenenti al sistema umano, come le unità di misura).
Se dovessimo trasferire in una griglia questo segnale, basato appunto sui numeri primi 23 e 73, ciò potrebbe essere fatto solamente in un modo: una matrice di 23 per 73 riquadri.



Infatti convertendo gli “1” in quadratini neri e gli “0” in quadratini bianchi, si ha l’immagine (figura 3) del messaggio di Arecibo.



La traduzione letterale del messaggio è rappresentata in alto sulla sinistra, mentre l’immagine di destra è riflessa orizzontalmente (e molti testi la riportano così).

Il fatto che esistano due grafici e due diversi modi di “disegnare” il messaggio di Arecibo (che variano come visto riflettendo orizzontalmente le informazioni relative all’altezza media dell’uomo, alla popolazione media delle Terra, alla dimensione del radio-telescopio) fortunatamente non inficia i successivi ragionamenti, perché in ogni caso il codice binario resta inalterato (il messaggio in codice binario è uno solo, mentre i grafici sono la trasposizione in figura di quel codice). E’ possibile che sia stata semplicemente girata la pellicola contenente il messaggio (nel 1974 si stampava ancora utilizzando le pellicole fotografiche), inducendo molti all’errore. Il tanto discutere su questo fatto è dovuto al fatto che – come vedremo – il crop circle di Chilbolton risponderebbe al messaggio “riflesso orizzontalmente” (cioè quello che si legge da destra verso sinistra, erroneamente pubblicato su molti testi). Se questo elemento potrebbe essere tirato in causa da parte dei sostenitori dell’ipotesi “bufala”, vedremo che ci sono ben altri argomenti – più significativi – a cui gli scettici potrebbero richiamarsi. Infatti è bene precisare che il messaggio di Arecibo è stato inviato in sequenza lineare, un bit dietro l’altro. In altre parole non aveva un senso di marcia da destra a sinistra o viceversa. Come sia stato recepito, ricevuto e interpretato da eventuali ascoltatori è dunque una questione che riguarda appunto i ricettori, i destinatari, più che il mittente.

In ogni caso è da considerare come “ufficiale” il grafico che riportiamo qui sotto.



Torniamo ora ad occuparci di una questione di merito. Prima abbiamo accennato alla possibilità che il crop circle di Chilbolton possa rappresentare addirittura una risposta al messaggio di Arecibo. Eppure avevamo spiegato che questo messaggio non avrebbe potuto raggiungere l’ammasso M13 in tempi così brevi. Come può esserci arrivata una risposta? Prima di approfondire cerchiamo intanto di capire se può trattarsi di una risposta o meno. Vediamo in cosa consiste.

Il 13 agosto 2001, accanto al radiotelescopio SETI di Chilbolton, nei pressi di Andover, Hampshire, sul campo della Leckford, davanti alla enorme antenna parabolica dell'osservatorio (utilizzata soprattutto come radar meteorologico avanzato), è comparso un crop circle (foto sotto).


Foto ©PRS


Fin qui nessuno poteva pensare ad una qualche forma di risposta.

Il giorno seguente, 14 agosto, compare nello stesso luogo un altro crop circle, riproducente un volto. A questo punto qualcuno comincia realmente ad ipotizzare qualcosa di anomalo, di “alieno”.



Da terra sembrava solamente una indecifrabile confusione, ma sorvolando la formazione dall’alto ci si rese conto che si trattava di un viso. L’immagine era stata creata grossomodo come un giornale fotografico, con punti di varie dimensioni che davano l’impressione di profondità quando visti da lontano.




Molti vollero vedere in questo viso una somiglianza con la famosa “Faccia su Marte”.




Somiglianza, per la verità, che ci sembra piuttosto forzata. Inoltre il confronto veniva proposto con la famosa “Mars Face” catturata dal satellite nel 1976. Ma nel 1998 e poi nel 2001 le nuove foto scattate dal “Mars Global Surveyor” alla regione di Cydonia, restituivano un’immagine ben diversa. Perché scattate a risoluzione maggiore, con angolature migliori e con condizioni di luce diverse.



Immagini ancora più nitide (e ancor meno somiglianti ad una faccia) si ebbero nel 2002 grazie alla sonda “Mars Odyssey”, e infine nel settembre 2006 grazie all’Ente Spaziale Europeo che rese pubbliche nuove immagini ad altissima risoluzione della valle di Cydonia (un pixel ogni quattordici metri). La faccia su Marte è soltanto una formazione naturale, per coincidenza somigliante (vagamente) ad un volto. In ogni caso non al volto di Chilbolton.

In quei giorni però non c’è però neppure il tempo di approfondire quel che sta accadendo, perché il 19 agosto succede qualcosa di apparentemente inspiegabile e incredibile. Sempre nello stesso luogo, a poche decine di metri dal volto del 13 agosto, appare un ulteriore pittogramma, che visto dall’alto è molto simile al grafico del messaggio di Arecibo. C’è però qualche elemento diverso, e nello stupore generale c’è chi comincia a pensare che quel disegno è la risposta al messaggio di Drake e del SETI.





È probabile che questo ultimo crop circle sia collegato con quello appena precedente del viso. Perché sarebbero apparsi a poca distanza (di tempo e di spazio) uno dall’altro? Sono in relazione diretta? Chiaramente non c’è univocità di opinioni su questo punto. Secondo molti scettici quello sarebbe un chiaro indizio che quel terreno era fortemente frequentato da circlemakers in quesi giorni. Secondo Corrado Malanga ci sarebbe invece un altro tipo di relazione tra il viso e l’Arecibo Reply:

È molto probabile che il “viso” sia stato realizzato antecedentemente al “messaggio” per comunicare innanzi tutto che gli altri sono umanoidi. A questo scopo nulla di meglio di un viso, con occhi, naso e bocca. Il “viso” è formato da 29 + 29 linee diagonali, a 45° rispetto alle cornici, ma a 90° tra di loro, per ottenere il massimo numero (412 anziché 221) di ciuffi di grano quadrati a parità di spazio e di numero di punti di intersezione con la cornice. Le linee, infatti, intercettano la cornice in 13 e 17 punti (13 x 17 =221); 13, 17 e 29 sono tre numeri primi, ad attestare che gli altri conoscono tali numeri ed hanno capito che il nostro messaggio ha righe e colonne rappresentate da numeri primi. Il “messaggio”, poi, pare indicare che gli altri hanno intenzione di comunicare con noi e contiene anche un ulteriore numero primo (79), poiché, escludendo la cornice, esso ha, in più rispetto alle 73 del nostro, tre righe vuote sopra e tre sotto. Inoltre sia il “messaggio” sia il “viso” sono rivolti verso l’esterno, a quanto pare per indicare che è di là che essi provengono, ma il “messaggio” è più vicino al radiotelescopio del “viso” e i due glifi, insieme, richiamano la geometria del radiotelescopio stesso, formato da un basamento verticale relativamente basso, sopra il quale è montato il paraboloide dell’antenna, che può muoversi in su ed in giù e ruotare liberamente attorno all’asse verticale. Osservando meglio si nota che il “messaggio” sembra allineato con il radiotelescopio. Prolungando i suoi due lati lunghi si scopre che è vero: il “messaggio” è allineato esattamente con il radiotelescopio, tanto che il suo asse centrale passa per il centro del basamento di quest’ultimo.
(citazione da “Lezioni dai campi di grano”, di C. Malanga.).

Vediamo comunque come appare questo nuovo e formidabile pittogramma. Certamente, visto dall’alto, sembra di buona fattura. Ma ormai siamo abituati a cose ben più perfette e spettacolari, e ciò che realmente colpisce di questo crop circle non è la sua bellezza, ma il suo significato. Sulla usa “autenticità” o “genuinità” (argomenti controversi sui quali sarebbero opportuni dei chiarimenti, in altra sede) ci sono pareri discordanti: troppi pochi studi scientifici, e troppe opinioni. Come sempre del resto.

Il dott. Levengood non ha trovato nessun nodo ingrossato, nessuna cavità di espulsione, neppure cambiamenti nel peso dei semi, o tassi di crescita aumentati, nè una più alta concentrazione di magnetite in entrambe le formazioni di Chilbolton. Dunque opera di mistificatori?

Colin Andrews, giunto dall’America per investigare su questo caso, intervistò immediatamente il Dr. Darcy Ladd, direttore del telescopio di Chilbolton. Questi spiegò che i terreni circostanti al radiotelescopio sono recintati e di difficile accesso, e ci sono telecamere che registrano e monitorano costantemente l’area, anche in direzione del campo. Queste telecamere non avevano rilevato alcun movimento sospetto. Forse è giusto il caso di specificare che la sorveglianza e le recinzioni su quel campo sono però piuttosto blande, non si pensi che il pittogramma sia apparso all’interno del Pentagono. Il Dr. Hoagland e il Dr. Bara, dell’Enterprise Mission, hanno spiegato che le probabilità di compiere un simile lavoro in quei tempi, con quella luce (solo quella lunare), in quel campo, e senza errori, corrisponde circa ad una su cinque miliardi (a nostro avviso si tratta però di una affermazione molto incauta, in quanto è stato abbondantemente dimostrato che i circlemakers sono in grado di realizzare pittogrammi di ben altra complessità rispetto a quello di Chilbolton, ed in tempi assai più ristretti).

Autentico o meno, sarà il caso che ci occupiamo subito di venire al punto: è la risposta degli alieni al nostro messaggio di Arecibo?

Sebbene molto somigliante al grafico di Arecibo, vi sono interessanti differenze. Se si trattasse – come qualcuno sostiene – di una risposta, le differenze sarebbero spiegabili e funzionali, e si tratterebbe di un evento importantissimo nella storia dell’umanità. Ma andiamo con ordine. Quali sono queste differenze?

Nel codice binario (prima sezione in alto del messaggio sopra esaminato) non si nota alcuna differenza tra il crop circle del 2001 e il messaggio del 1974. Riguardo i principali elementi che compongono la vita sulla terra invece, c’è la aggiunta del numero binario 14, che indica il silicio. Prima di tutto vorremmo dire che è stupefacente come su diversi testi compaiano ancora una volta informazioni discordanti su dati che dovrebbero essere oggettivi. Molti parlano di “aggiunta” del silicio, altri parlano di silicio “in sostituzione” del carbonio. Per quanto abbiamo potuto capire, non essendo esperti di codice binario, la corretta affermazione è la prima. Trattasi di aggiunta, ma non può trattarsi di una coincidenza, perché il codice è stato ri-¬decifrato per inserire il Silicio nella giusta sequenza, tra ossigeno (numero atomico 8) e fosforo (numero atomico 15). Il Silicio è l'elemento chimico della tavola periodica degli elementi, che ha come simbolo “Si” e come numero atomico il 14. E’ un metalloide tetravalente, meno reattivo del suo analogo chimico, il carbonio. È anche il secondo elemento per abbondanza sulla crosta terrestre, componendone il 25,7% del peso. Si trova in argilla, feldspato, granito, quarzo e sabbia, principalmente in forma di diossido di silicio, silicati e alluminosilicati (composti contenenti silicio, ossigeno e metalli). Il silicio è il componente principale per vetro, cemento, semiconduttori, ceramica e silicone. A differenza del carbonio però, non è presente nelle strutture organiche dotate di vita.

Mentre per noi è semplicemente un materiale che sta acquistando una sempre maggiore importanza nel settore sperimentale e della tecnologia avanzata (laser, transistor, celle solari, e apparati elettronici a basso costo), forse il Silicio è un elemento della “vita” extra-terrestre. Nel 1969 Ben Volani, microbiologo dello Scripps Institutions of Oceanography, aveva identificato un ruolo cruciale del silicio nella “vita al carbonio”. Egli aveva notato che la presenza del silicio nelle forme di vita terrestri, pur essendo precaria ed instabile, era una componente importante.

Su un terreno meno scientifico e più esoterico o – direbbero altri – di conoscenza e saggezza cosmologica, vale giusto la pena di menzionare una pubblicazione di Ashayana Deane intitolata “Angelic Realities” (Granite Publishing 2001) un cui si parla di una scala cosmica e di Universi armonici: la realtà è formata da 15 matrici dimensionali-temporali, generate da 5 settori, ognuno dei quali tridimensionale (5 x 3 = 15). La Terra è nel primo Universo armonico, cioè ad un punto neanderthaliano della scala cosmica, dove scienza, regole e vita stessa sono basate sulla chimica organica basata sul carbonio. Nell’Universo armonico superiore al nostro invece, i processi vitali sono basati sulla biologia di carbonio e silicio. Nell’Universo ulteriormente superiore si parla solo di silicio (poi di forme liquide e cristalline di pre-materia e infine di pure energie viventi nell’anti-materia).


B. Higher-Dimensional Beings from HU-2



Tutte le entità extraterrestri, astrali, gli angeli e arcangeli, vivono e prolificano in questi vari universi armonici, dove gli universi più alti possono vedere quelli più bassi. Verosimilmente i creatori del crop circle di Chilbolton si sono identificati – e sono – secondo questo schema, abitanti del secondo universo armonico, basato sul sistema biologico del carbon-silicio. Ma ovviamente tutto ciò costituisce una speculazione, scientificamente indimostrabile e inaccettabile.

C’è infine un aspetto curioso da tenere in considerazione e riguardante sempre il silicio. Nel 1999 era apparso sullo stesso campo un altro piccolo pittogramma, che rappresentava una bella forma cristallina.



Una “renderizzazione” di quel crop circle appare in questa ultima immagine sopra.

Si pensò allora soltanto alla geometria dei frattali, alla serie di agroglifi che stava ben dimostrando la meraviglia degli algoritmi. Ma alla luce della discussione sul Silicio, qualcuno ha ipotizzato che il modello possa avere qualche cosa a che fare con la forma della struttura cristallina di Silicio (che è cubica, molto simile a quella di vari semiconduttori e in particolare del diamante).



Tornando allo schema del pittogramma di Chilbolton, notiamo che a cambiare è anche il DNA, con un filamento aggiuntivo sulla sinistra, ed un diverso numero di nucleotidi. Sembra una struttura però molto simile alla nostra, tanto da legittimare l’ipotesi che possa trattarsi di una alterazione genetica, o una mutazione, del nostro stesso DNA; forse – siamo sempre nel campo delle ipotesi – una alterazione genetica indotta di proposito (esperimenti genetici?) sul nostro DNA di base? Il numero di nucleotidi varia da 4,293,917,614 a 4,294,966,190 (altri riportano però 4,294,967,134) cioè circa un milione di nucleotidi in più. In realtà c’è però un dubbio su un numero binario del crop circle, che non è certo rappresenti un “1”. Se fosse uno zero i nucleotidi sarebbero circa 200.000 meno di quanto detto, ma comunque sempre più dei nostri. Alcune ricerche di Hoagland e Bara non escludono che possa effettivamente esistere un organismo vivente con una conformazione del DNA a tripla elica. C’è di più: la Enzo Biochem Inc., una ditta americana, aveva depositato recentemente un brevetto sensazionale che presentava un nuovo processo per modificare il DNA, chiamando in esame proprio l’addizione di un terzo filamento di DNA nella classica doppia elica, trasformandola temporaneamente a tre filamenti. È opportuno però essere cauti riguardo gli studi sul DNA, la cui avanzata è lenta e giustamente sottoposta a scrupolose verifiche scientifiche. Parlare di DNA a tripla elica come evoluzione e miglioramento del nostro DNA è, ad oggi, una illazione non supportata da dati medici e scientifici. È vero che la doppia elica può assumere conformazioni differenti (ad esempio,la forma "B", “A”,"Z", e molte altre), ma si sa ancora poco sul ruolo delle diverse forme del DNA, i cui processi di trascrizione e traduzione sno estremamente complessi. Un DNA costituito da tre eliche avrebbe una complessità estrema (relativamente ai processi di trascrizione-traduzione, e ci sarebbe anche il rischio che ciò possa portare l'organismo in questione ad un collasso più che ad un'evoluzione psico-fisiologica.

Ecco cosa scrive Wikipedia sul DNA a tripla elica:

Una struttura di DNA a tripla elica si forma quando un singolo filamento di DNA si associa ad un doppio filamento di B-DNA attraverso un legame di Hoogsteen. Originariamente descritta nel 1957, la tripla elica è stata evidenziata in vivo solo durante l'azione della ricombinasi di Escherichia coli RecA, ma il suo ruolo non è ancora stato compreso.

Numerosi laboratori di ricerca stanno investigando la possibilità che le triple eliche di DNA possano costituire un meccanismo di regolazione dell'espressione genica.


A questo punto consideriamo anche una ipotesi interessante. L’RNA (Acido Ribonucleico) ed il DNA (Acido Desossiribonucleico) sono composti da unità che si ripetono. Nel caso dell’RNA le unità che si ripetono sono i ribonucleotidi e i monofosfati, mentre nel DNA si ripetono due desossiribonucleotidi monofosfati. Sia l’RNA che il DNA formano lunghe catene di polinucleotidi, le quali hanno delle polarità. La sequenza di un acido nucleico è di norma letta da 5’ a 3’ (ad esempio la sequenza delle molecole di RNA è AUGC mentre per il DNA è ATGC). Il DNA è più stabile, mentre la presenza di “2'OH” nell’RNA forma 2'3'“phosphodiester” che generano un mix di 2'e 3'monofosfati (quindi la catena di polinucleotidi dell’RNA è instabile). In altre parole l’RNA polimerizza in due differenti forme, rispettivamente 2', 5'oppure 3', 5'; ed è un mistero della evoluzione chimica il perché la forma 3’, 5’ si è affermata sulla Terra..



In termini teorici è però plausibile che l’RNA 2’, 5’ possa rappresentare un codice genetico alternativo all’RNA 3’,5’ o al DNA. Tutto ciò potrebbe teoricamente avere a che fare con il crop circle di Chilbolton dove viene rappresentato il DNA a triplice elica. Infatti gli acidi nucleici 2’, 5’ formano una singola elica con 6 avvolgimenti (quella cioè rappresentata come la terza elica nel pittogramma di Chilbolton). Inoltre molte persone vittime di “abduction” (coloro cioè che sostengono di essere stati rapiti da alieni) si dice che passino il resto della vita in modo apatico, colpiti da una sorta di affaticamento cronico, è ciò dipenderebbe anche dall’acido ribonucleico. Come se, insomma, il sistema immunitario di queste persone fosse entrato in contatto con l’RNA 2’, 5’. Ma – di nuovo – rischiamo così di cavalcare delle illazioni del tutto gratuite e non verificabili. Passiamo quindi oltre.

Nel Reply cambia anche il disegno dell’uomo, che infatti appare piuttosto simile ad un cosiddetto “grigio” (cioè l’immagine dell’alieno tipica della cultura popolare): basso, con due braccia, due gambe, una testa molto più grande della nostra, due grandi occhi ben visibili. Tuttavia non è possibile affermare con certezza che quello rappresentato lì sia un “grigio”. Infatti i “grigi” hanno quattro dita ed arti lunghi e sottili, mentre l’omino rappresentato a Chilbolton non dice nulla sulla dita ed ha arti corti e tozzi.

Cambia anche l’altezza media, indicata come due piedi (corrispondente ancora a quella standard del “grigio” secondo la fantasia popolare ed i racconti di abduction – cioè circa 3 piedi e 4 pollici), e cambia il numero degli abitanti, che sarebbero circa 21,3 miliardi. Ci si chiede se si tratta della popolazione soltanto del “loro” pianeta (e questa cifra, curiosamente, sembra corrispondere a quanto sostenuto da alcuni testimoni reduci da fenomeni di abduction, che hanno sostenuto che la loro popolazione è molto più numerosa della nostra), o se non si tratti piuttosto della loro popolazione sommata a quella della Terra, o perfino la popolazione futura della Terra, o quella del sistema solare (comprendente le forme di vita su Marte, e sui satelliti di Giove?). Già, perché cambia anche la descrizione del sistema solare: il terzo pianeta dal sole (almeno da quello che nel messaggio di Arecibo era il nostro Sole) non è più il solo ad essere accentuato, ma è in compagnia del quarto e del quinto (e quest’ultimo sembra essere enfatizzato anche più, con tre supplementari pixel).

La differenza nelle informazioni di sistema solare potrebbe indicare almeno un paio di scenari. E’ possibile che il disegno si riferisca sempre al nostro sistema solare, ma oltre ad accentuare la Terra si sono accentuato anche Marte e Giove. In effetti, la zona di massima luce sul quinto pianeta potrebbe anche riferirsi alla cintura di asteroidi che giace tra Marte e Giove, che è in realtà il quinto elemento dal sole. Questo potrebbe voler dire che sul nostro sistema solare c’è vita, oltre che sulla Terra, anche su Marte e su Giove (o sulla cintura di asteroidi attorno a Giove); cosa in effetti già sospettata dal Seti stesso e da chi studia da anni lo spazio. Si ritiene infatti, secondo alcuni studi scientifici, che almeno i satelliti (di Giove) “Io” ed “Europa” possano essere abitati da forme di vita.

Alternativamente, non corrisponderebbe al nostro Sistema solare, bensì al loro sistema, che dunque sembrerebbe anche consistere di nove pianeti. Il sole è rappresentato leggermente più piccolo. Questo potrebbe essere allora il loro più piccolo sole, o si potrebbe supporre che rappresenti il nostro futuro, forse quando il sole sarà divenuto più piccolo e noi avremo popolato gli altri pianeti. Non è possibile dare risposte certe.



Infine, al posto del disegno del trasmettitore di Arecibo, c’è qualcosa che ricorda la forma di una sonda spaziale. Eppure a ben vedere potrebbe essere il diagramma del crop circle che fu ritrovato in quello stesso campo l’anno precedente, nel 2000.




Questa parte del pitogramma è di difficile comprensione ed interpretazione. Come mai viene raffigurato il crop circle dell’anno precedente? Forse perché quello del 2000, a sua volta, potrebbe essere la rappresentazione di una tecnologia che va oltre le nostre conoscenze, un avanzato metodo di comunicazione? Forse – sostengono altri più o meno ironicamente - rappresenta una diavoleria per costruire pittogrammi.



A ben vedere poi, attraverso una analisi minuziosa, si può constare che questa parte del disegno non corrisponde in modo perfetto al disegno del 2000, ma ha una leggera differenza: al posto di due anelli concentrici presenti nella parte centrale dell’agroglifo del 2000 sono stati inseriti quattro punti disposti a croce (secondo alcuni ad indicare il presunto sistema solare alieno).

Il diametro del trasmettitore infine viene indicato – sempre in base a codice binario, calcoli alla mano - come più grande dei 305 metri di Arecibo.





Ad aggiungere carne al fuoco ci ha pensato anche Colin Andrews, che dopo alcune ricerche ha fatto notare che quello del 2000 (poi rappresentato nel 2001 con il crop circle di risposta al messaggio di Arecibo) non era il primo che si verificava in quel campo. C’era – come già detto – quello che disegnava una figura particolare simile ad una struttura cristallina o a un diamante. Ma prima ancora, nel 1990-91 erano state ritrovate due strane “griglie” al suolo.



L’anno seguente alla comparsa di quelle due griglie, vi furono proprio sopra quel campo due misteriosi incidenti aerei, dei quali non si seppe mai la causa (il pilota era in entrambi i casi esperto, e sul motore non erano stati rilevati – ne prima né dopo – malfunzionamenti).

Il 22 Maggio del 1992 il mistero si infittiva. Viene trovato in un campo adiacente un altro crop circle: un largo cerchio all’interno di due anelli.



Lo stesso giorno una mongolfiera perse inspiegabilmente quota proprio mentre transitava sopra quel crop circles, e precipitò a non molta distanza. Dopo di che, prima del cosiddetto “Arecibo Reply” compaiono - come abbiamo già visto - i pittogrammi sul campo di Arecibo, da quello il cui disegno richiama una struttura cristallina cubica, a quello del 2000 di cui si è detto, alla faccia di Chilbolton. Ma in quei giorni appare anche un altro crop circle sensazionale a Milk Hill, non lontanissimo da li, precisamente il 13 agosto. Si tratta di 400 cerchi per un diametro complessivo di 450 metri. Qualcosa di assolutamente imponente, e perfettamente realizzato, da lasciare sbigottiti anche i più scettici.



Ma tutto ciò è attinente con l’“Arecibo Reply”? Per quanto è dato sapere no, o almeno non sembra esserci alcun legame. Tuttavia il boom di formazioni così spettacolari, importanti e significative, nell’arco di pochi giorni e non lontane tra loro, aveva creato un clima di stupore in tutti, e predisposto forse ad uno stato d’animo particolare. In altre parole la voce che gli alieni stavano comunicando con noi stava acquisendo un maggior spessore. Ma sarà bene attenerci ai fatti e tornare ad effettuare delle riflessioni sul caso di Chilbolton. Si perché il SETI stesso, che aveva ideato il messaggio di Arecibo, fu tra i primi a sostenere che il pittogramma di Chilbolton non poteva in alcun caso essere la risposta di entità extraterrestri.

Per ben 5 fondamentali ragioni.

1. Se gli alieni avessero ricevuto il messaggio di Arecibo (e questo sarebbe per loro l’unico modo per conoscere la trasmissione effettuata nel 1974) significherebbe che le loro capacità di ricevere e inviare segnali radio ad alta frequenza sono eguali o superiori alle nostre. Allora perché non avrebbero usato le onde radio per rispondere? Perché avrebbero risposto con un metodo così grossolano come un disegno su un campo di grano, che permette di fornire una quantità di informazioni assai inferiori rispetto ad una trasmissione radio? Se non utilizzassero la radio avrebbero comunque potuto utilizzare dei supporti magnetici, cd, o qualsiasi altro mezzo consono.
A questo punto molti obiettano però che una civiltà presumibilmente molto avanzata, come quella che ha risposto al messaggio di Arecibo, è sufficientemente consapevole dell’impatto che un loro deciso intervento creerebbe sul nostro Pianeta: il caos. Per questo utilizzare trasmissioni radio che potrebbero finire sulle televisioni e sulle radio di tutti i cittadini, o lasciare cd o prove materiali, potrebbe non essere stato ritenuto opportuno, in base alla cosìddetta “strategia della gradualità”, con la quale gli extraterrestri si stanno avvicinando a noi, per avere un effettivo contatto solamente nel momento in cui l’umanità sarà pronta per questo passo.

2. Come mai questi alieni sono così somiglianti a noi? Nello stereotipo alieno di Hollywood gli ET sono effettivamente umanoidi, ma ciò a causa di una nostra presunzione antropocentrica. Basta visitare lo ZOO per rendersi conto che esistono circa moltissime specie e creature che pur condividendo milioni di anni di evoluzione e parte del DNA, non si somigliano affatto. A questa interessante osservazione c’è però chi obietta che la vita intelligente nell’universo, pur potendo derivare da percorsi diversi, giunge necessariamente ad una conclusione simile. Se esiste una specie in grado di viaggiare nello spazio e di sviluppare una ingegneria genetica, si può presumere che questa civiltà sia anche in grado di dominare il modo di apparire. Oppure che il modo di apparire possa essere comunque simile per tutte quelle specie che sono ad un elevato grado di evoluzione. Nello stesso modo in cui tutte le scimmie che si evolvono tendono a stare su due zampe e a sviluppare determinate capacità ed abilità (che saranno poi quelle dell’uomo). Se abbiamo due occhi, due gambe, due braccia ecc, ci sono valide ragioni, dovute ad uno sviluppo dell’intelligenza e all’adattamento anche genetico del corpo all’evoluzione e alle necessità. Sarebbe insomma curioso, al contrario, se le forme di vita intelligenti avessero tutte delle sembianze completamente diverse tra loro. Per non parlare dell’ipotesi – più che plausibile secondo molti, tra cui il noto scrittore Zechariah Sitchin – che potremmo essere noi umani a somigliare a loro, poiché deriviamo da loro, che ci hanno creati a loro immagine e somiglianza (chissà che il Dio cristiano della Bibbia non sia invece un ET, come sostengono alcuni revisionisti e studiosi delle origini dell’uomo). La controversia anche su questo punto, sembra restare insolubile. La differenza, a nostro modesto avviso, è ancora una volta nel percorso argomentativo. Il SETI si avvale di considerazioni logiche ed empiriche, ottenendo in risposta considerazioni che si sviluppano su un altro piano, piuttosto fideistico e non basato su evidenze certe (in taluni casi neppure probabili, o possibili).

3. Il Messaggio è stato inviato come detto all’ammasso M13, che dista circa 23 mila anni luce. Significa che, viaggiando il messaggio alla velocità della luce, impiegherebbe circa 230 secoli per giungere a destinazione (e magari altrettanti per tornare). Come è possibile che dopo 26 anni abbiamo già la risposta? E’ evidente che – se anche questa fosse una risposta – non proviene dagli abitanti dell’ammasso M13, perché questi non possono aver ricevuto ancora alcun messaggio. Dunque, si ipotizza, potrebbe essere una risposta (ammesso che lo sia) di qualche altro pianeta sulla via Lattea, che si trova nella traiettoria del messaggio e lo ha intercettato, ed ha risposto con il crop circle di Chilbolton? Si è parlato, come unico candidato accettabile, di Hercules 86, stella non dissimile dal nostro Sole, posta a 26,4 anni luce da noi sulla traiettoria ideale (pur con una leggera deviazione di 17 gradi) seguita dal fascio radio a suo tempo inviato verso l’Ammasso Stellare M13 di Ercole: più o meno, in effetti, il tempo richiesto al messaggio di Arecibo da noi inoltrato verso la Costellazione di Ercole nel 1974 per raggiungere quel sistema stellare. Visto che l’eventuale risposta si sarebbe avuta oggi, più o meno in tempo reale, senza che trascorressero altri 26 anni, gli Ercoliani avrebbero dovuto bypassare la velocità della luce? La fisica teorica d’avanguardia del warp drive e dei wormholes permetterebbe questo a chi sapesse gestirla, com’è ben noto agli scienziati aerospaziali che attualmente studiano la cosiddetta breakthrough propulsion.
Secondo il SETI però questa ipotesi è talmente remota da potersi considerare del tutto trascurabile. Infatti abbiamo detto che il fascio di onde radio aveva una dimensione, come estensione spaziale, di circa un quindicesimo della superficie lunare. Ovvero era un fascio estremamente ristretto. Per dare un’idea potremmo paragonare il fascio di onde di Arecibo ad una freccia, scoccata verso un immenso spazio vuoto in cui vi siano alcune palline da ping-pong appese a dei fili ( rappresentare altri pianeti). Le palline distano fra loro molti chilometri. Quante possibilità ci sono che la freccia colpisca accidentalmente una di queste palline prima di arrivare alla pallina a cui è destinata? Pochissime (circa una su mezzo milione), ma si riducono ancora di più se consideriamo la possibilità alla data odierna, e cioè se ci poniamo la domanda: “quante possibilità ci sono che, ad oggi, il messaggio abbia già raggiunto qualche altro Pianeta”? E la probabilità che una sonda nelle nostre vicinanze possa averla intercettata sono ancora più piccole, infinitamente piccole. Tutto ciò senza però considerare che le stelle si muovono con le galassie, per cui quando arriverà su M13 il messaggio, tra migliaia di anni, M13 potrebbe non essere più dove era nel 1974, e il fascio di onde potrebbe mancarlo.
Come obiettare a questa constatazione? Semplice: il SETI ignora che gli extraterrestri non sono affatto solamente su M13 o altri pianeti e galassie distanti milioni di anni, ma sono presenti anche sulla Terra, per cui sono a conoscenza del messaggio dal giorno stesso in cui è stato inviato. Ed è possibile che gli extra¬terrestri abbiano scelto questo semplice e gentile metodo di comunicazione per parlare e rispondere alle persone “open-minded” della Terra, rispettando allo stesso tempo il nostro diritto di ignorarli o di negarli.
Se così fosse, replica il SETI, allora perché attendere 26 anni? Potevano rispondere subito? La risposta che è stata fornita agli scettici è che è possibile che gli extra-terrestri abbiano atteso il momento opportuno, prima del quale non ci sarebbe stato nessuno disposto a credere a questa ipotesi e tutti si sarebbero comportati come il SETI fa ora. Per la verità, a noi sembra, ci sono anche oggi pochissime persone disposte a credere a questa fantasiosa spiegazione.

4. Le informazioni biochimiche contenute nel crop circle di Chilbolton sono le stesse che erano contenute nel messaggio di Arecibo del 1974. E’ da notare quanto la biologia aliena sia simile alla nostra.
E’ vero, il DNA sembra avere un filamento extra ed un numero differente di nucleotidi, e si è anche notato che viene indicato il silicio come parte del kit di costruzione biologica. Tutto ciò non può convincere. Se il silicio è piuttosto popolare nei film di fantascienza, nella realtà è assai difficile che possa costituire un elemento fondamentale delle molecole necessarie alla vita.
Inoltre è fin troppo riguardevole quanto sia simile il loro DNA al nostro, addirittura al punto da presentare una molecola di DNA elicoidale. Inoltre essi fanno uso dello stesso numero di zuccheri e di basi che costituiscono il DNA umano per costruire il proprio. Ma è piuttosto strano che il silicio sopra menzionato non compaia poi nella formula di alcuno fra i componenti del DNA alieno (un punto questo evidenziato da Randy Wiggins). Va ricordato inoltre che a fronte di centinaia di possibili aminoacidi, nelle forme di vita terrestri ne compaiono solo venti. In altre parole, la nostra biochimica è piuttosto specifica. È curioso (ed improbabile) che anche la loro corrisponda così da vicino alla nostra.
Queste considerazioni neppure possono però rappresentare una efficace risposta a chi ha un punto di vista diverso su quel che è accaduto. Per due ragioni fondamentali. Innanzitutto se la genetica umana fosse stata modificata da antichi viaggiatori dello spazio (extra-terresti o in qualsiasi modo li si voglia chiamare), sarebbe ovvio che le strutture biochimiche e il DNA si somiglino, e sarebbe semmai strano il contrario. Val bene la pena ricordare però che la teoria degli “antichi astronauti” (facente capo soprattutto a Sitchin) è da considerarsi tutto fuorché provata, ed anzi presenta una ragguardevole quantità di dubbi, buchi, incertezze, speculazioni e strumentalizzazioni poco convincenti. Riguardo il silicio poi, non è stato provato che questo posa giocare un ruolo importante nel DNA, ma è stato tuttavia suggerito che questo elemento possa giocare un qualche ruolo non secondario.
Siamo ad esempio certi che nel DNA di Chilbolton non ci sia traccia di silicio? A sentire Corrado Malanga no. Egli scrive, in “Lezioni dai campi di grano”, quanto segue:
A ben vedere il “messaggio” di Chilbolton ci dice che le basi puriniche e pirimidiniche, la molecola del desossiribosio ed il gruppo fosfato sono sempre presenti, quindi l’altro DNA è come il nostro, ma con un atomo di silicio in più, piazzato da qualche parte: dove? […]Sembrava proprio che l’unico punto dove si poteva introdurre l’atomo di silicio fosse al posto dell’atomo di fosforo dei diversi gruppi fosfato (PO4)-3 presenti nelle due eliche. Nasceva così, al computer, un semplice modello di DNA, alterato in modo da sostituire l’abituale elica con una modificata in modo da ammettere la presenza, in luogo del gruppo fosfato, di un gruppo silicato, con ibridazione (di tipo sp3) dell’atomo di silicio identica a quella originaria del fosforo. […] Si notava subito che il DNA al silicio era pressoché identico al nostro. Le due eliche si accoppiavano perfettamente e sembrava che non esistessero percettibili differenze, se non minime alterazioni delle lunghezze di legame fosforo-ossigeno, sostituite, in una sola delle due eliche, da lunghezze di tipo silicio-ossigeno. Questo test, tuttavia, serviva solo a dimostrare che l’introduzione dalla variante “silicio al posto del fosforo” non era distruttiva per una struttura così semplice, ma con esigenze strutturali complesse, com’è il nostro DNA. La struttura, però, era priva di senso dal punto di vista biologico […] Nel “messaggio” di Chilbolton, inoltre, non c’erano indicazioni che le due eliche dell’altro DNA fossero tra di loro differenti, però era evidente che un’elica, ogni tanto, aveva una specie di fremito e non seguiva più l’armoniosa forma spiraliforme a noi nota, ma formava quasi una curva secca, cambiando repentinamente direzione. Dunque di atomi di silicio, intesi come variazione ad una struttura-base del DNA, ce ne doveva essere uno ogni tanto, ma a Chilbolton c’era chiaramente scritto quanto doveva essere questo “ogni tanto”; infatti, a giudicare dal messaggio scolpito nel grano, l’anomalia fondata sul silicio doveva ripetersi ad ogni giro completo di una singola elica, cioè ogni dodici interferenze tra basi azotate, le basi a struttura purinica e pirimidinica che legano tra loro le due eliche del DNA (il periodo secondo il quale si ripetono le strutture di ambedue le parti del DNA è, appunto, di 12 quadretti). […] Ottimi computer e potenti software professionali avevano mostrato che, introducendo, al posto di uno di fosforo, un atomo di silicio, questo, legato al suo ossigeno per costruire un gruppo silicato, si trovava esattamente alla stessa altezza, in coordinate verticali, di un atomo di idrogeno del desossiribosio della seconda elica, che stava proprio di fronte ad esso. Una delle numerose prove effettuate è consistita nel legare questo silicato al carbonio del desossiribosio (desossi vuol dire “senza OH”), caratterizzato dall’assenza di un gruppo OH proprio dove stava quel particolare atomo di idrogeno, con le giuste coordinate, di cui si è fatto cenno sopra. Il desossiribosio, in tal modo, diventava una vera e propria molecola di ribosio. Il passo successivo consisteva nel minimizzare la struttura risultante. […]Questa è la prova del fuoco: se la molecola del DNA, sottoposta a tale prova, si autodistrugge, l’idea di partenza è inesorabilmente da buttare. Ebbene, la molecola di DNA sopra descritta, sottoposta al software dedicato Hyperchem ©, nella sua versione 7.1 (la più aggiornata), e ad algoritmi denominati MM+ ed Amber, non si è affatto autodistrutto! A sinistra c’è il nostro DNA ed a destra l’altro.


Ma le sorprese non finiscono qui: infatti, mettendo in risalto gli andamenti elicoidali delle due spire di ciascun DNA, appare evidente che il DNA modificato con l’introduzione di un atomo di silicio forma lo stesso disegno di quello scolpito nel grano di Chilbolton! […]
Esiste, inoltre, un’altra interessante caratteristica di questo strano DNA: ogni dodici scalini, ogni dodici basi azotate, ci si trova di fronte ad un DNA che in realtà è un RNA, un acido ribonucleico e non desossiribonucleico, una struttura in cui il residuo glucosidico del ribosio è quello dell’RNA e non quello del DNA. Dunque l’altro DNA sarebbe un misto tra il nostro DNA ed il nostro RNA? Perché no! È infine interessante notare come questo nuovo DNA, una volta separato nelle sue eliche singole, probabilmente produrrebbe le stesse reazioni del nostro. Non da ultimo va sottolineato che esso appare energeticamente più complesso del nostro e quindi, da un punto di vista evoluzionistico, più problematico, ma presenta anche la possibilità di essere accoppiato con una matrice di Silicio inorganico, tipica dei microchip che si utilizzano in Elettronica, costruendo così qualcosa che da un lato sembra appartenere ad un essere vivente e dall’altro appare caratteristico di un computer! […] Chiunque abbia realizzato il “messaggio” di Chilbolton conosce anche la biochimica e l’analisi strutturale delle molecole complesse. Era naturale chiedersi se qualcuno dei nostri biochimici avesse mai pensato di costruire un DNA modificato come quello descritto a Chilbolton e, se sì, a cosa servisse! Dalla bibliografia emerge subito che il futuro del DNA sembra essere il DNA modificato al silicio. Già, perché, se si riuscisse a sintetizzare un DNA del genere, si otterrebbe un substrato chimico in grado di poter essere collegato direttamente ad un microchip. Si realizzerebbe, così, una perfetta interfaccia macchina-uomo.

(per approfondire questo aspetto si veda: Corrado Malanga, “Lezioni dai campi di grano”)

Nel 2002 venne ritrovata una sostanza polverosa bianca all’interno di un cerchio nel grano, a Sompting, che fece molto scalpore. Alcuni ritennero che si potesse trattare della polvere d’oro alchemica. Si determinò poi che quella polvere conteneva biossido di silicio, e quell’episodio venne collegato allora con il cerchio nel grano di Chilbolton (2001). L’investigatore Rodney Ashby (che ricevette alcuni campioni di questo materiale da Allan Brown), indagò su questo caso e dopo una accorta analisi di laboratorio, dichiarò:

“La composizione elementare suggerisce che erano presenti solo ossidi o idrossidi […] il campione non era un minerale di composizione complessa, piuttosto una miscela di tre o più composti chimici di base, la più comune è la silice della sabbia (SiO 2), calce viva (CaO) e calce spenta (Ca (OH) 2 ). Collettivamente, questi sono indicativi di un materiale cementizio. Tale conclusione è corroborata anche dalla presenza di oligoelementi quali l’ alluminato di calcio (Ca 2 Al 2 O 5) e tracce di composti di alluminio e ferro del cemento di Portland […] il problema è semmai la consistenza della sabbia, non del tipo comunemente usato in edilizia. Invece, era di una granulometria più fine variabile da 100 micron a meno di 2 micron. Inoltre, i grani più piccoli erano delle forme più pure di silice. Tutti gli elementi di prova hanno suggerito che la sabbia proveniva da una fonte atipica ma naturale. Varie idee sono state considerate - sabbia destinata a sabbiatura o fusione di precisione, anche sabbia sahariana - ma nessuna ha fornito un riscontro convincente con queste. Nonostante questo, non sono riuscito a trovare alcuna prova del fatto che questo materiale non abbia avuto origine terrena”.

5. Il crop circle di Chilbolton stesso non presenta prove fisiche, chimiche o scientifiche sufficienti a sostenere che sia originato da altre misteriose entità.
Ci si potrebbe anche meravigliare del perché, nonostante anche lì vi siano vasti campi coltivati a grano, gli Stati Uniti non siano quasi mai bersaglio di questo tipo di disegni alieni: circa due terzi di tutti i cerchi nel grano si trovano in Inghilterra. Possiamo anche notare come Chilbolton sia un luogo ove sono comparsi altri crop circles nel 1999 e nel 2000. Perché gli alieni dovrebbero far ricorso ad un sistema di segnalazione che trasferisce così poche informazioni e che si può utilizzare soltanto durante i due mesi della stagione della crescita, per di più solo di notte? Da Chilbolton ci hanno anche fatto sapere – conclude il SETI -che questi recenti glifi sono apparsi (come in molti altri casi) dopo un weekend. Quando cioè eventuali circlemakers avrebbero più tempo per realizzare le loro opere.



Fonti:
• http://www.cicap.org
• http://www.ufonet.it
• http://freeweb.supereva.com/danielecataldi/CROP.htm?p
• Drake, Frank, and Dava Sobel. Is Anyone Out There? . New York: Delacorte Press, 1992. ISBN 0-385-30532-X
• Corrado Malanga, Lezioni dai campi di grano
• http://claudescommentary.com/special/chilbolton/;
• http://www.seti.org/general/ao_message_crop.html
• http://www.cropcircleresearch.com/articles/arecibo.html
• www.cropcirclesinfo.com
• www.busty-taylor.com
• www.enterprisemission.com
• La Stampa, 30 Agosto 2001
• Vigay’s Panel, http://www.cropcircleresearch.com/articles/arecibo.html
• Dr. W. C. Levengood, Anatomical Anomalies in Crop Formation Planets, Physiologia Plantarum 92:356 – 363, 1994. • Dr. W. C. Levengood, Semi molten Meteoric Iron Associated with a Crop Formation, Journal of Scientific Exploration, Vol. 9 n°2 pp. 191-199, 1995
• www.xstreamscience.org/Sompting/Sompting_1.htm
• www.cropfiles.it/altrimisteri/whitepowdergold.html